VIDEO | Roma. Ex Penicillina, tra gli occupanti due donne incinte e un bimbo di un anno

VIDEO | Roma. Ex Penicillina, tra gli occupanti due donne incinte e un bimbo di un anno

ROMA – Ci sono anche due donne incinte e un bambino di un anno all’interno dell’ex fabbrica della penicellina di via Tiburtina, periferia est di Roma. A rivelarlo all’Agenzia Dire è uno degli occupanti dello stabile abbandonato, dove ieri giornalisti e telecamere sono stati invitati ad entrare per una conferenza stampa.

LEGGI ANCHE:

Roma, gli occupanti dell’ex penicillina lanciano l’allarme: “Qui viviamo come animali”

Roma. Ex Penicillina, il presidio di Casapound: “Fosse per me, un bel falò”

Roma. Ex Penicillina, parla l’occupante: “Consegnammo noi il ricercato per l’omicidio di Desiree”

Un luogo dove centinaia di persone vivono in alloggi di fortuna tra amianto, rifiuti chimici e montagne di spazzatura, in condizioni igieniche e sanitarie disperate. “E’ importante ricordarsi una cosa- racconta l’occupante che chiede di rimanere anonimo- che qui ci sono delle famiglie“.

Ma non è tutto: “Ho notato che ci sono delle donne incinte e l’altra sera ho visto un bambino che avrà circa un anno. Sta lì dentro e questa cosa non mi piace- racconta il nordafricano- Quindi la speranza è che almeno si cerchi di dare una sistemazione a loro se dovessero sgomberarci”.

La preoccupazione maggiore, dunque, è per la salute delle due donne in gravidanza e per i nuclei familiari, che in caso di sgombero rischiano di finire separati.

L’uomo spiega anche che queste non sono situazioni nuove all’interno dell’ex penicillina a San Basilio: “Di solito facciamo una colletta tra di noi e troviamo magari una stanza. Mettiamo due euro ognuno e cerchiamo di trovargli un posto in una stanza. Lo abbiamo già fatto con un’altra signora. Ma questa mamma ha detto che non vuole andarsene. Sono molto preoccupato”, conclude.

Condividi l’articolo:

Leggi anche:

15 Nov 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»