AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE campania

Parte il crowdfunding per salvare il cuore selvaggio di Napoli

NAPOLI – Devastata a luglio da un incendio, la riserva degli Astroni può essere oggi ricostruita grazie al crowdfunding.

L’iniziativa è stata lanciata dal Wwf alla Mostra d’Oltremare, nell’ambito della presentazione della ‘Festa dell’Albero’ che si svolgerà nel complesso napoletano di Fuorigrotta dal 19 al 21 novembre.

“Migliaia di ettari di vegetazione sono stati distrutti in Italia a causa degli incendi che hanno devastato il Paese l’estate scorsa – ricorda Donatella Bianchi, presidente nazionale del WWF -. E anche un’oasi del WWF, la riserva degli Astroni, è andata in fumo. Oggi vogliamo ricostruirla e per farlo chiediamo ai napoletani di contribuire. Se un cittadino su dieci donasse 50 centesimi, meno di un caffè, avremo i fondi per riportare natura e bellezza nell’oasi degli Astroni“.


COME DONARE

La campagna è realizzata grazie al sostegno della prima piattaforma di crowdfounding social Meridonare, collegata alla Fondazione Banco di Napoli. Per donare bisogna collegarsi al sito web www.meridonare.it e cliccare sul progetto “Salva il cuore selvaggio di Napoli”. Chi parteciperà alla Festa dell’Albero domenica troverà, alla Mostra d’Oltremare, un “Donamat“, innovativa stazione digitale per la raccolta di donazioni anche in contanti e con il bancomat, oltre che con carta di credito.

La raccolta fondi oltre al sostegno del Comune di Napoli e del sindaco Luigi de Magistris ha un testimonial d’eccezione: l’ex nuotatore Massimiliano Rosolino, che ha prestato il suo volto per salvare gli Astroni.

L’obiettivo della campagna è raccogliere 50mila euro in 122 giorni.

“Soltanto investendo sulla natura in città – continua il presidente del WWF – possiamo garantire ai cittadini una elevata qualità della vita e contemporaneamente proteggerli dalle conseguenze dei cambiamenti climatici. È questo l’obiettivo della campagna Urban Nature partita da Roma ad ottobre e che ora arriva a Napoli per la Festa dell’Albero. Ed è questo l’obiettivo dell’iniziativa, che lanciamo oggi, per aiutare l’Oasi WWF di Astroni, un’area naturale di enorme valore naturalistico in un contesto fortemente urbanizzato: il vero e proprio cuore selvaggio di Napoli, un bene prezioso per tutti i napoletani”.

Scopo del progetto è quello di riaprire l’oasi, patrimonio naturale condiviso dopo l’incendio della scorsa estate che ha interessato il 63% della superficie della riserva, bruciando ettari di sottobosco e centinaia di alberi secolari. I danni sono stati cosi ingenti che le risorse economiche a disposizione della riserva non consentono lo svolgimento di tutti i lavori necessari alla riapertura dei sentieri. Con il crowdfunding sarà possibile metterli in sicurezza, mantenere gli alberi storici, ripristinare la funzionalità idrogeologica delle aree e promuovere azioni per stimolare la crescita della vegetazione.

15 novembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988