In America sparatoria davanti a una scuola elementare: 5 morti. Il killer aveva litigato coi vicini - DIRE.it

Mondo

In America sparatoria davanti a una scuola elementare: 5 morti. Il killer aveva litigato coi vicini

ROMA – Ancora spari in America. E questa volta a farne le spese sono stati anche dei bambini. Una sparatoria è infatti avvenuta alle 8 di oggi (le 17 di ieri in Italia) davanti a una scuola elementare a Rancho Tehama, paesino di 1500 anime vicino a Sacramento, in California. I morti sono cinque (tra cui il killer colpito dalla Polizia) e si contano 10 feriti, tre dei quali bambini. Ci sarebbe un piccolo di due anni a cui l’uomo ha sparato due volte. Centinaia i colpi sparati dal killer, in sette diversi luoghi. Il killer è stato identificato come Kevin Janson Neal, 43 anni.

L’uomo che ha fatto fuoco aveva un fucile semiautomatico e due pistole. A quanto riferito dai media americani, all’origine del folle attacco ci sarebbe un litigio con i vicini. Il vice sceriffo Phil Johnston avrebbe spiegato che i primi spari sono stati esplosi in una abitazione privata per proseguire poi nella scuola primaria. La scuola è stata evacuata e i bambini portati al sicuro.

Sempre stando ai racconti dei media americani, alcune persone che abitano nella zona hanno raccontato che il killer negli ultimi tempi si comportava in modo molto strano e aveva più volte sparato. Forse il suo obiettivo dell’attacco era fare una strage di bambini. Tra le vittime ci sarebbe anche una donna che, in passato, lo aveva accusato di aver tentato di accoltellarla.

 

15 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»