AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

A Bologna monta il ‘caso’ Montagnola: Fn annuncia ronde e l’assessore sbotta: Volete carri armati?

BOLOGNA – Dopo gli ultimi episodi di microcriminalità che hanno avuto per teatro il parco della Montagnola, nel centro di Bologna – l’ultimo avvenuto ieri mattina quando un uomo nigeriano è stato aggredito insieme alla figlia 20enne- a Bologna sale tensione sul tema della sicurezza. Forza nuova annuncia l’intenzione di mettere in atto le ‘passeggiate della sicurezza‘ (meglio note come ‘ronde’) per monitorare il parco. La proposta crea preoccupazione nel Pd (il deputato dem Andrea De Maria trova l’annuncio “gravissimo”), mentre il sindaco Virginio Merola tenta di spegnere le polemiche annunciando che “i malviventi che infestano” la Montagnola verranno presi tutti, “ci vuole solo della pazienza”. Parte del problema è legato al fatto che all’interno del parco ci sono un asilo nido e una scuola materna.

La tensione si scatena anche all’interno del question time in Comune, quando nel rispondere ad una domanda della consigliera leghista Lucia Borgonzoni, l’assessore alla Sicurezza del Comune di Bologna, Riccardo Malagoli, perde le staffe e sbotta: “Volete che andiamo in Montagnola con i carri armati?“. Malagoli ricorda poi che è stato stabilito di creare un presidio fisso (gestito a turno da Polizia, Carabinieri e Polizia municipale) proprio davanti alla scuola.


FORZA NUOVA PREPARA RONDE IN MONTAGNOLA E IN CENTRO

Forza nuova annuncia, per i prossimi giorni, “un’azione” nel parco della Montagnola di Bologna. Questo perché, scrive in una nota il movimento di estrema destra, “la Montagnola sta diventando un campo di battaglia tra rifugiati di varia provenienza, in cui l’unica legge è quella della giungla”. L’episodio di ieri, proseguono da Forza nuova, “evidenzia che la zona è completamente fuori controllo e ‘off limits’ per i cittadini normali, considerando il fatto che è avvenuto alle 10 di mattina”. Da qui la decisione di organizzare un’iniziativia all’interno del parco, a cui si affiancheranno, “già la prossima settimana, le passeggiate della sicurezza in centro”.

DE MARIA (PD): GRAVISSIMO ANNUNCIO RONDE FORZA NUOVA

L’annuncio, da parte di Forza nuova, di voler organizzare “un’iniziativa nel parco della Montagnola” di Bologna dopo gli ultimi episodi di microcriminalità, e una serie di “passeggiate della sicurezza” in centro “è gravissimo”. A dirlo è il deputato bolognese del Partito democratico Andrea De Maria, che in una nota si dice certo che l’iniziativa “aggraverà solo i problemi di sicurezza e ordine pubblico“.

L’esponente dem coglie quindi l’occasione per “rinnovare piena fiducia al lavoro delle Forze dell’ordine, che non hanno certo bisogno di doversi occupare anche delle ronde di Forza nuova”, e chiude ricordando che Bologna “è insignita della Medaglia d’oro al Valor militare perché, nella Resistenza, ha pagato un altissimo prezzo di sangue per la libertà e la democrazia, e da allora un certo tipo di ronde non hanno avuto più occasione di esistere nella nostra comunità”.

MALAGOLI SBOTTA: IN MONTAGNOLA VOLETE I CARRI ARMATI?

Cosa vuole che facciamo? Che andiamo lì con i carri armati? In questo caso non decide né lei né io, decide il Comitato per l’ordine e la sicurezza. Quando sarà ministro dell’Interno deciderà lei”. E’ la risposta data dall’assessore alla Sicurezza del Comune di Bologna, Riccardo Malagoli, ad una domanda di Lucia Borgonzoni (Lega nord) sulla situazione della Montagnola. Sullo stesso tema, con particolare riferimento alla scuola Giaccaglia Betti, l’assessore è intervenuto anche per rispondere ad un’interrogazione di Elena Foresti (M5s). “Riteniamo come Comitato per l’ordine e la sicurezza che un presidio fisso davanti a quella scuola possa cambiare la situazione. Ricordo- afferma Malagoli- che quella situazione è costantemente monitorata da tre soggetti fondamentali: Polizia, Carabinieri e Polizia municipale”.

Questi soggetti all’interno del Tavolo tecnico per l’ordine e la sicurezza “si mettono d’accordo su come presidiare costantemente quella zona- continua Malagoli- e quindi due ore le fa la Polizia, due ore le fa la Polizia municipale, due ore le fanno i Carabinieri e così via. Si tratta di una organizzazione che è stata decisa dal questore e dal prefetto insieme al sindaco nel Comitato per l’ordine la sicurezza”. Per quanto riguarda in specifico la Polizia municipale, questa “è presente quotidianamente presso il parco- garantisce l’assessore- con finalità sia di prevenzione che di repressione di qualsiasi fenomeno di illegalità e degrado”: grazie all’impegno dei vari reparti, “dall’inizio del corrente anno sono stati compiuti centinaia di sopralluoghi”.

In particolare, il reparto Sicurezza urbana, impiegando il proprio nucleo cinofilo, “presidia frequentemente le scuole Giaccaglia Betti– riferisce Malagoli- mentre il nucleo territoriale assicura la presenza di una pattuglia durante gli orari di entrata ed uscita dei bambini”. L’attività di controllo del parco, inoltre, “ha consentito di effettuare, solo negli ultimi tre mesi, 12 sequestri di sostanze stupefacenti e, nei giorni scorsi- aggiunge Malagoli- è stato arrestato un soggetto per detenzione e spendita di banconote false”. Insomma, sottolinea l’assessore, “c’è un grandissimo sforzo delle forze di Polizia congiunte per fare in modo che quella zona sia più controllata possibile“, con attività che “comportano anche la tutela dei bambini delle Giaccaglia Betti”.

MONTAGNOLA, MEROLA: PAZIENZA E LI PRENDEREMO TUTTI

I malviventi che infestano il parco della Montagnola, dove si trovano anche il nido e la materna Giaccaglia Betti, “uno alla volta saranno messi in galera“. Lo assicura il sindaco di Bologna, Virginio Merola. “Ci vuole pazienza democratica– dice oggi a margine di una conferenza stampa- ma non permetteremo che si mettano in non-sicurezza i nostri bambini. Gli interventi ci sono, l’unico modo è perseverare, non abbiamo bisogno di inventarci chissà cosa”. Quello “che conta- ha sottolineato ancora il primo cittadino- sono i continui interventi delle Forze dell’ordine e della Polizia municipale che stanno dando ottimi risultati. Sull’episodio di ieri, l’ennesima aggressione nel parco, “c’è stato subito l’intervento e i responsabile son stati arrestati”.

di Mirko Billi e Maurizio Papa, giornalisti professionisti

15 settembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988