Stadio della Roma, Verdone: “Siamo tristi ma speriamo che progetto vada avanti”

ROMA – “Siamo tutti quanti un po’ tristi, perché non ne possiamo più, perché succede sempre qualcosa che blocca. Roma è diventata una città davvero complicata e ti cascano le braccia per terra, non hai più voglia nemmeno di combattere, perché dici non funziona niente. Non riusciamo a fare niente”. Lo spiega l’attore Carlo Verdone a Prato, a margine della cerimonia di consegna dei sigilli della città, in merito all’inchiesta sullo stadio di Roma. I giornalisti gli chiedono se con questa nuova vicenda giudiziaria si allontanerà sempre di più la realizzazione del nuovo impianto a Tor di Valle.

“Speriamo, invece- aggiunge-, che questa vicenda sia meno grave di quel che appare. Me lo auguro, che non si fermi il progetto, che possa andare avanti in altri modi”.

Secondo Verdone che è tifoso giallorosso, “non si può bloccare questa cosa, poi capisco anche tutte le ragioni del presidente, deve fare anche del business, i presidenti di società di calcio che non lo fanno sono destinati alla rovina, vanno in passivo”.

Quindi, “uno stadio nuovo col marchio Roma- specifica- è importante per Pallotta. Non vorrei che se ne andasse via e si stufasse. Speriamo di no”.

Leggi anche:

Stadio della Roma, 9 arresti (tra cui presidente Acea). Raggi: “Progetto avanti se regolare”

Stadio Roma. Consulenze e promesse, ecco la rete di Parnasi secondo la Procura

Stadio della Roma, il progetto rischia lo slittamento ‘a tempo indeterminato’

Stadio della Roma, Raggi all’attacco: “Rassegna stampa vergognosa, partono le querele”

Stadio Roma, Raggi-Baldissoni: “Andiamo avanti, ma prima verifiche”

15 Giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»