Brasile. Figurine mondiali, quanto mi costate: è boom di scambi

 Fioriscono e si moltiplicano in Brasile i “pontos de troca”, i luoghi dove si scambiano le figurine, frequentati ora da collezionisti dell’album dei Mondiali di Russia sempre più alle prese con ristrettezze economiche.

Secondo quotidiani e portali di informazione locali, i “pontos” si incontrano di continuo nei centri commerciali o accanto alle edicole, in giorni e orari definiti, concordati perlopiù sui social network. A volte, riferiva il portale ‘Veja’ prima del fischio d’inizio di Russia 2018, gli scambi si fanno in seminterrati o in aree condominiali.

Il moltiplicarsi dei “pontos de troca” sarebbe dovuto all’aumento del costo delle figurine, con un bustina di cinque sticker in vendita ormai a due reais, circa 43 centesimi di euro. In teoria, se non capitassero doppioni, per completare l’album basterebbero 274 reais, circa 62 euro. Secondo i calcoli delle probabilità degli economisti, però, di reais ne servirebbero almeno 2000. Troppi, in anni di recessione o comunque di difficoltà economiche per il Brasile: secondo l’Istituto di statistica nazionale, anche nella “ricca” San Paolo uno stipendio mensile non supera in media i 1712 reais.

Leggi anche:

Mondiali di calcio, ecco la nuova collezione Panini “2018 FIFA World Cup Russia Adrenalyn XL”

15 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»