Costume e Società

Svastiche e maschera di Hitler, le immagini dal set del nuovo film di Gabriele Mainetti

ROMA – La perfetta ricostruzione di un circo ai tempi dell’occupazione tedesca di Roma, con tanto di svastiche, vessilli nazisti disseminati un po’ ovunque, insieme a camionette e moto militari dell’epoca. E un’enorme maschera raffigurante un Hitler stile carro allegorico. E’ la scenografia del film ‘Freaks Out’, opera seconda di Gabriele Mainetti (il regista di ‘Jeeg Robot’), montata in questi giorni a Forte Bravetta, a Roma, luogo dove il comando tedesco fucilò 68 persone, in maggior parte militari e partigiani appartenenti alla Resistenza romana, tra l’ottobre del 1943 e il giugno del 1944. Vittime ricordate da una lapide posta all’ingresso del parco dei Martiri di Forte Bravetta.

 A scoprire gli insoliti allestimenti sono stati oggi i componenti della commissione capitolina Ambiente, riuniti ‘in esterna’ proprio a Forte Bravetta, per affrontare alcune urgenze di riqualificazione sottoposte dai cittadini in una raccolta firme inviata al sindaco Virginia Raggi e al presidente del Municipio XII, Silvia Crescimanno. Il circo è stato sistemato in un’area molto prossima, secondo quanto ha appreso l’agenzia Dire presente alla commissione e al sopralluogo, rispetto a dove avvennero le fucilazioni. “Questa è un’area che ha in se’ una forte memoria storica che dev’essere difesa, preservata e tutelata- ha commentato il presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale, Daniele Diaco- Sul film non possiamo esprimerci perché è un qualcosa che riguarda la Soprintendenza e il dipartimento Ambiente. Lasciamo i giudizi a chi di competenza”. E proprio per tutelare la memoria rappresentata da Forte Bravetta, la commissione ha deciso di non accogliere una delle richieste contenute nella raccolta firme, cioè il posizionamento di un’area cani.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

15 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»