Politica

Migranti, Rai Sport con Casapound: ‘No a gioco sporco delle Ong’

ROMA – Rai sport insegue ‘Il Primato nazionale’, ma non solo ai Mondiali di calcio appena iniziati. Piu’ prosaicamente su Facebook, dove condivide la linea della tolleranza zero sui migranti del quotidiano di Casapound. A quanto risulta all’Agenzia Dire, sulla pagina Facebook Rai Sport fa suo l’articolo del quotidiano sovranista, organo di Casapound, “Il Primato nazionale” sui migranti e sull’Aquarius. Ovvero, porti chiusi alle Ong. “Cosi’ l’Aquarius ha svelato il gioco sporco delle Ong”, scrive il Primato nazionale, nell’articolo condiviso da Rai Sport. Nel testo si legge tra l’altro che la “situazione paradossale” dei migranti “potrebbe far pensare ad una sorta di premio che la Ong riceve da qualcuno interessato al business dell’accoglienza per traghettare i migranti in Italia”. 

E ancora: “I migranti morti sono sempre stati materiale di propaganda per le Ong”. “Dopo 7 anni di “maggiordomismo servizievole e masochistico” nei confronti dell’Europa, di altri Stati, di agenzie della Nazioni Unite e, perfino, di organizzazioni private, l’Italia ha finalmente alzato la testa“, si legge ancora. Opinioni legittime, piuttosto che fatti. Ed e’ certamente singolare che siano state fatte proprie sui social da una testata del servizio pubblico. Non a caso Rai Sport condivide l’articolo e poi lo cancella. Ma nella rete internet le tracce restano, come dimostra la foto della Dire allegata.

Migranti, Rai stigmatizza uso improprio Facebook Rai Sport

La Rai stigmatizza l’uso improprio del profilo Facebook di Rai Sport per condividere una pagina del sito “Il Primato nazionale” ed ha disposto l’immediata rimozione del post, assicurando, al contempo, che sono già in essere tutte le iniziative volte a individuare il responsabile del gesto, per il quale saranno presi opportuni provvedimenti.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

15 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»