Politica

Casapound sotto al Senato contro Ius soli, tensione, idranti e manganellate/FOTO e VIDEO

ROMA – Tensione sotto al Senato, dove CasaPound, con il vicepresidente Simone Di Stefano in testa, sta manifestando contro la legge sullo Ius Soli che oggi arriva a Palazzo Madama. Le forze dell’ordine, spiega in una nota Casapound Italia, schierate in assetto anti-sommossa per impedire che la manifestazione arrivasse sotto Palazzo Madama sono intervenute anche con idranti e manganelli, ferendo due manifestanti. Dopo qualche minuto di scontri, la situazione si è calmata. Poi il sit in è proseguito in piazza delle Cinque Lune.

QUESTURA: DA CASAPOUND TENTATIVO FORZARE SBARRAMENTO FORZE ORDINE

I momenti di tensione si sono verificati quando i manifestanti hanno tentato di forzare lo sbarramento delle forze dell’ordine per raggiungere la sede del Senato, spiega la Questura in una nota. Successivamente, sono stati ‘spostati’ ai margini di Piazza delle Cinque Lune, intimando loro di desistere da comportamenti violenti. Dalla Polizia è arrivato anche l’avvertimento che, al reiterarsi di simili episodi, la manifestazione verrà sciolta. Ripresi dalla Polizia Scientifica tutti gli autori del tentativo di sfondamento.


CASAPOUND: ATTACCO A IDENTITÀ, LEGGE IDEOLOGICA E FOLLE

Stop allo Ius Soli, “un attacco all’identità italiana“. Lo chiede CasaPound, da questa mattina sotto al Senato per manifestare contro una legge che torna in Aula in questi giorni. “Una legge ideologica e folle che non farà bene al nostro Paese”, urlano i circa cento manifestanti, poco fa fatti spostare da corso Rinascimento a piazza delle Cinque Lune. Esposti cartelloni raffiguranti Abdelhamid Abbaoud, “il belga”, uno degli attentatori di Parigi e Jihadi John, “l’inglese”, uno dei più temuti tagliagola dell’Isis. “Boldrini, Renzi, questa e’ la vostra integrazione, questo e’ il vostro Ius Soli” .

di Federico Sorrentino, giornalista professionista

15 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»