Fisco, Bernaudo: “Dal nord-est parte iniziativa ‘produttori’ italiani”

ROMA – “Domani saremo a Treviso con gli amici di Via Italia, il movimento che sta aggregando molti eletti in enti locali provenienti da liste civiche e l’associazione Imprenditori emiliani. Andremo con l‘obiettivo di fare rete con loro”. Così il leader di Sos partita Iva, Andrea Bernaudo, annuncia la sua presenza all’evento di Treviso in programma venerdì 16 giugno alle ore 17 presso l’Hotel Crystal in località Preganziol.

“Con Sos partita Iva lavoriamo da anni per dar vita ad un’iniziativa politica coordinata dei ‘produttori’ perché noi partite Iva e imprese non ci sentiamo rappresentati da nessuna forza politica presente in Parlamento. In Italia- spiega Bernaudo- è in atto uno scontro durissimo tra produttori e parassiti che dura da troppo tempo e che ha messo l’economia reale in ginocchio. Una battaglia che lo Stato italiano porta avanti in modo scellerato contro chi produce Pil utilizzando armi perfino anticostituzionali come la riscossione in pendenza di giudizio, oppure accertamenti immediatamente esecutivi, effettuando controlli invasivi basati su studi di settore preconfezionati dall’Ente impositore, il tutto fondato sulla presunzione di colpevolezza del contribuente produttivo e sull’inversione dell’onere della prova”.

“Siamo di fronte ad un vero e proprio inferno per partite Iva e imprese sottoposte ad una pressione fiscale e contributiva che oramai sfiora il 70%. Noi produttori stiamo soccombendo per l’assenza di una nostra rappresentanza politica, ben radicata nel territorio e che si faccia interprete delle nostre istanze. Innanzitutto per questo motivo- conclude Bernaudo- vado con fiducia ed entusiasmo nel nord-est dove credo debba partire un coordinamento ed un’iniziativa politica organizzata dei ‘produttori’ italiani”.

Leggi anche Lavoro, Bernaudo: “Jobs act delle partite Iva? Fuffa parasindacale”

15 Giu 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»