Jacopo Marzetti eletto nuovo garante infanzia

bambino_vestiti_scarpine

ROMA – Il Consiglio regionale ha eletto Jacopo Marzetti come Garante dell’Infanzia e dell’adolescenza. Marzetti ha ottenuto 39 voti a favore, 2 le schede bianche. Jacopo Marzetti, 34 anni, è un avvocato. Dal 2010 al 2013 ha svolto diverse attività di counseling giuridico: ai genitori, al fine di tutelare i minori da difficoltà in situazioni familiari complesse; rispetto alle problematiche legate alla separazione e all’adozione di minori; per le situazioni di potenziale ostacolo per il recupero e la qualità della vita dei bambini, ai fini di favorire l’integrazione e la socializzazione dei diversi ambiti di vita. Presta inoltre consulenza legale per la tutela dei minori.

Daniele Leodori

Daniele Leodori

“Con l’elezione avvenuta oggi in Consiglio regionale delle figure del Garante dell’infanzia e dei suoi coadiutori, del Garante dei detenuti e del Difensore civico, i cittadini del Lazio potranno contare su una solida rete di assistenza e di tutela dei loro diritti, all’interno dell’amministrazione regionale”, afferma in un comunicato il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Daniele Leodori. “Rivolgo a Stefano Anastasia, Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, ai suoi due coadiutori Sandro Compagnoni e Mauro Lombardo, a Jacopo Marzetti, Garante dell’infanzia e dell’adolescenza, e ad Alessandro Licheri, Difensore civico, le congratulazioni per l’elezione e gli auguri di buon lavoro per gli importanti, quanto delicati, incarichi che da oggi ricoprono”, prosegue. “Tutte figure che porteranno nei rispettivi organismi regionali impegno, capacità e professionalità. Desidero esprimere infine un ringraziamento alle strutture organizzative di supporto che in questi mesi hanno continuato a portare avanti progetti operativi su tutto il territorio regionale, senza mai far mancare servizi essenziali alla cittadinanza e ai soggetti più deboli”, conclude Leodori.

15 Giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»