Trattato Ue-Canada, Rete Imprese: “Zero dazi, per export risparmio di 470 milioni”

SOLDIROMA – “L’accordo economico e commerciale globale tra Unione Europea e Canada è un’importante opportunità per le Pmi europee, che non deve essere mancata. La rimozione quasi totale delle barriere tariffarie può creare nuove occasioni per le imprese esportatrici, facilitando l’accesso al mercato canadese di merci e servizi e tutelando, allo stesso tempo, i marchi Dop italiani”. Così Rete Imprese Italia sul Ceta, il trattato di partenariato commerciale tra Ue e Canada pensato per agevolare gli scambi commerciali, gli investimenti, la cooperazione e la tutela della proprietà intellettuale tra le due zone economiche.

“Grazie all’azzeramento dei dazi sui prodotti industriali previsto dal Ceta, gli esportatori europei potrebbero risparmiare circa 470 milioni di euro l’anno. L’accordo permetterà inoltre di beneficiare del migliore trattamento che lo stesso Canada abbia mai offerto ai propri partner commerciali nella propria storia tra cui, appunto, la tutela della denominazione d’origine e dei marchi di impresa, fondamentale per le Pmi italiane. Si tratta dunque di un accordo che può creare le condizioni per far crescere le nostre imprese e creare nuovi posti di lavoro”. Per questo, Rete Imprese auspica che si possano chiudere “positivamente le questioni pendenti, procedendo ad una rapida approvazione del trattato”.

15 Giu 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»