La banda larga ‘casa per casa’, ecco il sito del Mise per vedere come procedono i lavori

ROMA – Un sito web per conoscere l’andamento della posa della banda ultralarga in ogni parte dell’Italia, “per regione, comune, frazione, strada” fino al numero civico. Basta cliccare sull’area desiderata e si conosce la copertura attuale, a 30 Mbps e 100 Mbps: quella al 2015 realizzati da investimenti pubblici e privati, quella al 2018 derivante da investimenti privati e quella al 2020 somma di quanto realizzato da investimenti privati e dal piano del governo (naturalmente per 2018 e 2020 si tratta di previsioni). E’ il sito www.bandaultralarga.italia.it presentato oggi al ministero dello Sviluppo economico dal sottosegretario con delega alle Comunicazioni Antonello Giacomelli.

banda larga

“Il sito consentirà ai cittadini di sapere il livello di copertura a 300 e a 100 Mbps di ogni regione, comune, strada e quartiere, sia delle aree bianche a fallimento di mercato sia delle aree nere, oggi e nei prossimi anni, e sarà aggiornato sul progresso dei lavori nei cantieri” spiega Giacomelli. “Quello che coprono i privati è quello che hanno dichiarato faranno”, prosegue, “le aree ‘bianche’ sono quelle di risulta dove nessuno ha dichiarato interesse”. Per le 96mila aree in cui è stato suddiviso il Paese si conosceranno quindi informazioni di dettaglio sullo stato dei cantieri e della copertura, con monitoraggio dei lavori, previsioni di dettaglio fino a fine lavori e collaudo, il tutto presto anche con foto.

banda larga_sito

L’intento del sito è di “mettere tutti gli atti a conoscenza di tutti in tempo reala, a partire dai cittadini- dice il sottosegretario allo Sviluppo economico con delega alle Comunicazioni Antonello Giacomelli- perché sappiano di processi che riguardano la loro vita”. Ogni cittadino, quindi “sarà in grado di sapere per regione, comune, frazione, strada l’andamento della Banda ultralarga in tutto il Paese”. Ora, dopo la pubblicazione dei bandi, “contiamo di aprire i cantieri” e ognuno potrà “sapere subito e senza mediazioni come procedono i lavori”, ribadisce, realizzando quindi anche “uno stimolo per la amministrazioni di riferimento” perché abbia luogo “una gara virtuosa tra i Comuni, con quelli che firmeranno la convenzione per accelerare i lavori”. Il tutto sarà accompagnato da una campagna di comuniczione della quale il sito sarà parte integrante. Giacomelli ha poi ricordato che domani sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo sul primo Catasto nazionale delle infrastrutture (Sinfi) che abbatterà i costi di posa della fibra ottica.

15 Giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»