Lazio

Palazzo Venezia si rinnova, ma sulle panchine spunta ‘Benito’

panchine_benito_

ROMA  – Panchine nuove di zecca, targate ‘Benito’. Sembra uno scherzo del destino quello giocato a Palazzo Venezia, che proprio oggi annuncia la sua nuova vita grazie al giardino risistemato.

Un rinnovamento, tra rassegne musicali e pièce teatrali, che nelle intenzioni del ministero dei Beni culturali allontana ancora una volta il palazzo dalla sua storia sporcata dal Ventennio, quando Benito Mussolini lo aveva scelto come sede del suo potere, rendendolo “un simbolo negativo del fascismo- ricorda il ministro Dario Franceschini- ma e’ possibile e giusto immaginare che un luogo così importante non sia più condizionato dal passato”.

A sorpresa, però, la beffa del passato non vuole lasciare pace a Palazzo Venezia, che oggi sulle panchine tutte intorno alla fontana settecentesca trova una targhetta – piccola e poco visibile firma della ditta fornitrice – con su scritto ‘Benito’.

di Nicoletta Di Placido, giornalista professionista

15 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»