D'Alema vota Raggi? Smentisce secco: "Tutto falso" - DIRE.it

Politica

D’Alema vota Raggi? Smentisce secco: “Tutto falso”

ROMA  – E’ stato pubblicato oggi sul quotidiano ‘la Repubblica’ un articolo a firma Goffredo De Marchis in cui viene ventilata l’ipotesi che Massimo D’Alema scelga il M5s al ballottaggio per la Capitale. “Pur di cacciare Renzi sono pronto a votare anche Virginia Raggi”, avrebbe detto. Ma lui, seccamente, smentisce.

LEGGI ANCHE

“L’articolo pubblicato da ‘Repubblica’ è falso. I numerosi virgolettati riportati, a cominciare dal titolo, corrispondono a frasi mai pronunciate. D’altra parte, l’autore non precisa né dove, né quando, né con chi sarebbero state dette. Le riunioni di cui si parla non si sono mai svolte. La ricostruzione è frutto della fantasia del cronista e della volontà dei suoi mandanti. D’Alema, che è quasi sempre all’estero, non ha avuto modo di occuparsi della campagna elettorale di Roma”. E’ quanto si legge in un comunicato della portavoce di D’Alema, Daniela Reggiani.

Nel frattempo, si è già scatenata la corsa ai commenti. Orfini, di prima mattina, gli aveva chiesto una smentita via Twitter.  “Spero che D’Alema smentisca al più presto. E che venga a darci una mano in questi ultimi giorni di campagna”.

LA REPLICA DEL QUOTIDIANO –  Dopo la smentita della portavoce di Massimo D’Alema Daniela Reggiani, il quotidiano Repubblica conferma quanto pubblicato. “L’articolo riporta fedelmente quanto ci è stato raccontato da numerose fonti. Le frasi pronunciate da Massimo D’Alema sul suo orientamento di voto a favore di Virginia Raggi, così come sull’intenzione di dare vita ad un comitato per il ‘No’ al referendum– si legge sul sito del quotidiano- sono state ripetute in più occasioni di fronte ad interlocutori diversi. Parlare di mandanti esterni è grottesco, a muoverci non è altro che il giornalismo che significa raccontare storie di interesse generale. E questa ci pare proprio che lo sia”.

15 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»