VIDEO | Boccia: “Anche il linguaggio fa alzare lo spread, chi è al governo faccia attenzione”

Il presidente di Confindustria lancia un appello alla politica e in particolare al governo perchè 'faccia attenzione' al linguaggio: "Ogni volta che aumenta lo spread si riduce la nostra competitività"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’appello che faccio a tutta la politica e al governo è di fare attenzione al linguaggio perché a volte anche solo con il linguaggio aumenta lo spread ed è inaccettabile“. Così Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, a margine dell’incontro di questo pomeriggio, all’Unione industriali di Napoli, con alcuni europarlamentari candidati alle prossime elezioni nella circoscrizione Sud.

LEGGI ANCHE: Ancora tensioni nel governo, Salvini: “Non ho tempo per risposta a Di Maio”. Tria: “Allarme mercati ingiustificato”

“Lo spread – spiega il numero uno di Confindustria – può essere un grosso spauracchio perché le nostre imprese vivono anche di indebitamento finanziario con le banche, le famiglie con i mutui per la casa, il Paese con il debito pubblico. Ogni volta che aumenta lo spread aumenta il costo del denaro e quindi più aumenta il divario con gli altri Paesi più si riduce la nostra competitività”. Andrebbe fatto, continua Boccia, “un piano di rientro dal debito pubblico” che è un debito “degli italiani e ridurlo è nell’interesse dell’Italia. Noi – conclude – non dobbiamo usare la questione europea come alibi per non affrontare le questioni italiane”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»