VIDEO | Cambiamenti climatici, Costa: “L’Italia aiuta i Paesi più colpiti”

Il ministro interviene a margine della fiera Exco2019. Firmati 40 protocolli con Paesi africani e dell'area del Pacifico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
ROMA – L’Italia vuole ed è anzi decisa “con passione” a intervenire dove ci sono fragilità supplementari rispetto ai mutamenti climatici, anzitutto in Africa e nelle isole del Pacifico: così oggi all’agenzia ‘Dire’ il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, a margine della fiera Exco2019.

Cooperazione, al via Exco con espositori da 45 paesi

“I cambiamenti climatici aggrediscono l’Africa e i continenti più fragili e più esposti geograficamente nonché afflitti da una evidente povertà” dice Costa. “I Paesi più ricchi devono necessariamente intervenire ma sarebbe ridicolo immaginare che l’Italia e l’Europa possano fare da soli”. Ancora Costa: “Il pianeta si salva tutti quanti insieme e noi abbiamo la voglia e anche la passione per intervenire dove ci sono fragilità supplementari, in Africa e nelle piccole isole del Pacifico che stanno soffrendo”.

COSTA: COOPERIAMO, 40 PROTOCOLLI CON AFRICA E PACIFICO

“Abbiamo 40 protocolli già sottoscritti e altri 25 sono in fase di definizione con Paesi africani e dell’area del Pacifico; l’impegno è cooperare per la salvaguardia del pianeta dai mutamenti climatici, favorendo lo sviluppo delle rinnovabili e delle tecnologie green”: spiega all’agenzia ‘Dire’ il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. “La cooperazione internazionale è un riferimento importante per la tutela del pianeta” sottolinea Costa, a margine della fiera Exco2019. “Oggi siamo preoccupati dai mutamenti climatici” l’assunto del ministro. “Dobbiamo allora guardare alla green economy, agli interventi sulle tecnologie rinnovabili a salvaguardia del verde e anche dell’acqua pubblica, che è vita: l’approccio deve essere olistico, tenendo tutto insieme, in un’ottica di cooperazione, che è lo strumento più corretto”.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»