TG-Politico

L’Ue avverte l’Italia, Salvini: niente interferenze; Allarme delle regioni, a rischio prestazioni minime sanitarie

L’UE AVVERTE L’ITALIA, SALVINI: NIENTE INTERFERENZE 

La commissione Europea mette in guardia il futuro governo tra M5s e Lega: sui conti pubblici deve assicurare la stabilita’ finanziaria. E sull’immigrazione, Bruxelles raccomanda all’Italia di non mutare le politiche seguite fin qui. A stretto giro la replica di Matteo Salvini che bolla come “inaccettabile interferenza” la posizione della Commissione. Quanto ai migranti, dice il leader della Lega, l’Italia ha accolto e mantenuto anche troppo, ora e’ il momento della sicurezza e dei respingimenti.

ALLARME DELLE REGIONI, A RISCHIO PRESTAZIONI MINIME SANITARIE 

I Lea, i livelli essenziali di assistenza del Servizio sanitario nazionale, “non sono piu’ adeguati a quelli di un Paese civile.
Dal 2018 al 2019 si passa sotto la soglia minima dell’Ocse per garantire la tutela delle prestazioni”. A denunciarlo e’ Davide Caparini, rappresentante della Conferenza delle regioni, nel corso dell’audizione sul Def alla Camera. Le regioni sottolineano che e’ necessario “aggiornare i contenuti del vecchio patto per la Salute, le priorita’ sanitarie e il quadro finanziario per il futuro.

OLTRE 60 MORTI A GAZA, ANCHE UNA NEONATA 

Nell’anniversario della Nakba, il colossale esodo di 700 mila palestinesi dopo la creazione dello Stato di Israele nel 1948, continua a salire il numero di morti a Gaza, uccisi dall’esercito israeliano che spara contro i manifestanti palestinesi assiepati lungo il confine. A perdere la vita anche una bambina di 8 mesi, morta dopo aver inalato gas lacrimogeni. Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato Latino, condanna ogni forma di violenza, ogni uso cinico di vite umane e di violenza sproporzionata.

VATICANO, SI’ AI SOCIAL PER LE SUORE DI CLAUSURA 

Si’ ai social media, ma con “sobrieta’ e discrezione”, in modo da “salvare il raccoglimento e il silenzio”. Svolta per le suore di clausura che potranno usare i nuovi media a patto pero’ di non compromettere il silenzio e il distacco dal mondo. A dettare le nuove regole e’ l’Istruzione applicativa firmata dalla Congregazione per gli istituti di vita consacrata denominata “Cor Orans”, cuore in preghiera.

15 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»