Dal Congo a Palermo per curare un tumore, le storie dei medici umanitari - DIRE.it

Mondo

Dal Congo a Palermo per curare un tumore, le storie dei medici umanitari

studenti medicina farmacia

ROMA – “Organizzare il trasferimento in Italia di pazienti che nel loro paese di origine non possono ricevere cura vista la complessità della loro malattia” è uno degli obiettivi dell’Associazione internazionale di medicina umanitaria (Iahm) con sede a Palermo. Lo spiega all’agenzia Dire Alessandro Masellis, medico specialista in chirurgia plastica e responsabile della missione in Bangladesh della Ong: l’altro scopo del progetto è quello delle missioni di medicina umanitaria, “in Africa, Bangladesh, India”. La prossima paziente in arrivo a Palermo dal Congo è una donna malata di tumore, dichiara il medico, mentre iniziative e progetti sono in corso in Congo e Bangladesh.

medici_africaAbbiamo creato in Congo, a Kinshasa, un piccolo centro ustioni che ha ricoverato 300 pazienti solo nel primo anno di attività, mentre a Mymensingh, in Bangladesh, abbiamo ristrutturato un ospedale pediatrico con una sessantina di posti letto, collaborando con le Onlus ‘Sorriso nel mondo’ che ha sede ad Alessandria e ‘Oltre il possibile’ di Palermo. Il progetto è ancora attivo e ha operato di chirurgia plastica e generale almeno 600 bambini, oltre a coinvolgere circa 30 donne in un programma di cure ginecologiche, senza contare le persone curate dalle altre associazioni che operano nella struttura”.

15 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»