AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Moda

Made in Italy, a Roma apre la boutique Flanella Grigia Donna

flanella grigia100% made in Italy, tessuti pregiati che variano dal mousseline di seta al popeline. E una prima collezione con capi colorati, dal verde al turchese passando dall’arancione al blu oltremare, per abiti eleganti e allo stesso tempo versatili, senza dimenticare capi adatti alle più giovani.

Queste le caratteristiche della moda di Flanella grigia, storico brand italiano, che oggi ha inaugurato la prima boutique donna in via dei Prefetti, dopo l’esperienza pluridecennale dei negozi uomo nella vicina piazza del Parlamento e a piazza Pitagora, ai Parioli.

Flanella grigia è un marchio fondato nel 1973 dal sarto Domenico D’Angelo. Il coordinamento della nuova boutique donna è stata affidata a Rossella De Fano mentre la prima collezione è stata disegnata dallo stilista Gianluca Capannolo. Obiettivo dichiarato è quello di rilanciare il made in Italy, tutta la produzione degli abiti, infatti, dal reperimento delle materie prime alla sartoria è svolto in Italia. “Tessuti e prodotti sono realizzati rigorosamente in Italia- ha spiegato la responsabile del progetto, Rossella De Fano- Abbiamo deciso di realizzare una collezione donna a seguito delle tante richieste delle mogli dei clienti delle due boutique per uomo. Abbiamo ricercato quindi gli stessi tessuti e ripreso lo stile dei modelli uomo che sono stati, ovviamente, trasformati in abiti per donna con colori che nelle collezioni uomo non usiamo, come l’arancione, il giallo, il turchese e il viola”.

“Andiamo nella direzione opposta a quella dei grandi marchi commerciali- ha poi aggiunto lo stilista In questa fase c’è una globalizzazione che porta alla noia: noi offriamo invece qualcosa di speciale ed unico che il cliente può trovare solo qui, capi speciali, quasi su misura e dal sapore manuale”.

Flanella grigia 2

15 maggio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram