Seawatch, Salvini sotto indagine anche per Siracusa: “Mi indaghino pure, porti restano chiusi. E decido io”

Nuovo avviso di garanzia per il ministro dell'interno per sequestro di persona: stavolta il caso è quella della nave Seawatch nel porto di Siracusa a fine gennaio con minori a bordo. Lui tira dritto e lancia una frecciata a Di Maio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sui migranti “possono aprire altri 18 provvedimenti disciplinari nei miei confronti, ma finchè resto ministro non cambio idea: i porti restano chiusi“. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini, in conferenza da Monza.

“Quale occasione migliore, oggi in Brianza, per ricevere un’iscrizione a giudizio di un altro reato, un altro sequestro di persona. Il pm Carmelo Zuccaro mi comunica di averla inoltrata al Tribunale dei ministri. Sono nuovamente indagato per un reato commesso a Siracusa, dal 24 al 30 gennaio 2019, ma finchè faccio il ministro i porti italiani rimangono chiusi. Il business delle armi e della droga qui non entrano”, dice Salvini, in conferenza da Monza.

LEGGI ANCHE: Libia, Trenta ‘zittisce’ Salvini: “Con guerra avremo rifugiati, non migranti. E i rifugiati si accolgono”

“SU PORTI DI MAIO MI DICA IN CDM SE LA PENSA DIVERSAMENTE”

“Rispetto il lavoro di Di Maio, che si occupa appunto di lavoro e sviluppo economico, e non mi permetto di dirgli come risolvere le centinaia di vertenze sul suo tavolo. Allo stesso modo, di sicurezza e ordine pubblico me ne occupo io e finora credo di averlo fatto bene. Se qualcuno non è d’accordo lo dica. Se Di Maio e Trenta la pensano diversamente da me sui porti me lo dicano in Cdm e faremo una sana discussione”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini, in conferenza da Monza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»