Libia, il vicepremier: “Haftar traditore, l’Italia ci aiuti”

Maitig ha annunciato che partirà oggi per Roma per incontrare il primo ministro Giuseppe Conte, il ministro dell'Interno Matteo Salvini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Khalifa Haftar e’ un traditore e l’Italia e l’Europa dovrebbero aiutare in ogni modo il governo di Tripoli a far rispettare la legge internazionale e a fermare la guerra: cosi’ Ahmed Maitig, vice-premier del governo libico sostenuto dall’Onu. Secondo il dirigente, l’offensiva lanciata il 4 aprile dal generale della Cirenaica rappresenta “un tradimento della legge internazionale e dell’Onu”. 

Intervistato dal quotidiano ‘La Repubblica’, Maitig ha annunciato che partira’ oggi per Roma per incontrare il primo ministro Giuseppe Conte, il ministro dell’Interno Matteo Salvini e forse anche il vice-premier del Qatar, Mohammad Al-Thani. 

“All’Italia e all’Europa – ha sottolineato Maitig – chiedo di aiutarci in ogni modo a far rispettare la legge internazionale, gli impegni assunti di fronte all’Onu”. Secondo il vice-primo ministro di Tripoli, i Paesi dell’Ue dovrebbero “stare attenti”. “State aprendo la strada a una mostruosita’ – ha detto Maitig – che produrra’ una guerra civile tipo Siria in faccia all’Italia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»