Emilia Romagna

Bologna, “inagibile” l’immobile occupato in via Irnerio, ipotesi sgombero

Irnerio

BOLOGNA –  Riprende corpo la possibilità di uno sgombero per la palazzina di via Irnerio 13, a Bologna, occupata nel 2013 da Asia-Usb ed abitata oggi da una cinquantina di persone. Dopo che nelle scorse settimane si era aperto un confronto con la proprietà, cioè il Policlinico Sant’Orsola, oggi Asia rende noto che l’Azienda ha nuovamente inoltrato una richiesta di sgombero. La risposta del sindacato di base è l’organizzazione, ogni mattina dalle 6 a partire da lunedì, di una “colazione solidale” in via Irnerio “per presidiare il palazzo- recita una nota- e dimostrare che la Bologna solidale non si arrende di fronte alle minacce”. Asia ricorda di aver proposto al Comune di far fronte ai 41.000 euro chiesti dal Sant’Orsola per rientrare delle spese conseguenti all’occupazione. La richiesta è stata respinta e “abbiamo dunque avviato una trattativa direttamente con l’Azienda, versando un primo acconto di queste spese, nella cifra di 2.500 euro- riferisce Asia- e proponendo un piano di rientro in rate”. L’Azienda “ha accettato il bonifico, ma poi non ci ha dato nessun riscontro sulla proposta di rate”, continua la nota. “Dopo un mese di silenzio, oggi veniamo a sapere che il Sant’Orsola ha ordinato una perizia sulla stabile ai Vigili del fuoco, che avrebbero riscontrato condizioni di inagibilità– scrive il sindacato degli inquilini- e su questa base ha nuovamente inoltrato la richiesta di sgombero”. Una situazione che “ci sconcerta: com’è possibile richiedere lo sgombero dopo aver accettato perfino dei soldi da parte degli inquilini?”, si chiede Asia. Il bonifico “doveva segnare di fatto l’apertura di una trattativa, dunque gli abitanti- manda a dire Asia- vanno trattati di conseguenza, non sbattuti fuori con il primo pretesto utile”.

E se Asia dà appuntamento a lunedì per la prima “colazione solidale”, un’altra delle sigle impegnate nelle occupazioni, Social Log, ricorda che domani dalle 16 in piazza dell’Unità è in programma la giornata di iniziative convocata dopo gli sgomberi di viale Masini e via Corticella. Parteciperanno numerosi collettivi e altre realtà cittadine. In piazza ci saranno gli “sportelli di ascolto” contro gli sfratti, un corso di “cucina meticcia”, un gioco denominato “Casopoli” e per finire un’assemblea cittadina.

15 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»