Warning: Division by zero in /home/dire2376/public_html/wp-content/plugins/wordpress-seo/inc/class-wpseo-image-utils.php on line 223

Warning: Division by zero in /home/dire2376/public_html/wp-content/plugins/wordpress-seo/inc/class-wpseo-image-utils.php on line 223

Ambiente, Pepe convoca tavolo tecnico per la messa in sicurezza del fiume Tordino

Palazzo_Silone_abruzzo_2PESCARA – Facendo seguito agli accordi intercorsi in occasione del consiglio comunale di Giulianova dello scorso primo aprile, l’Assessore regionale Dino Pepe ha convocato, presso il Genio Civile regionale di Teramo, un tavolo tecnico con tutti gli attori istituzionali interessati, incluso il “comitato fiumi Salinello e Tordino”, sugli interventi di messa in sicurezza idraulica del fiume Tordino.

   “Ho incaricato il Genio Civile regionale, rappresentato dal dirigente Giancarlo Misantoni – spiega l’assessore Pepe – di redigere in tempi brevi un progetto preliminare di interventi da effettuare su tutto il corso del fiume Tordino, con particolare riferimento al tratto terminale dello stesso, dove si registrano le maggiori criticità”.
   “Questa ricognizione capillare, che ad oggi non era ancora stata fatta – prosegue l’assessore – avrà l’onere di quantificare anche i costi necessari degli interventi prioritari, con il coinvolgimento diretto degli uffici tecnici dei Comuni interessati”. Durante l’incontro, a cui ha preso parte anche il presidente della Provincia di Teramo, Renzo Di Sabatino, si è parlato anche di programmazione con un approfondimento sulle strategie regionali sui contratti di fiume. “Ricordo infatti che il contratto di fiume Tordino è stato il primo in Abruzzo ad essere sottoscritto ed in questa fase, dopo una necessaria riattivazione, con il coinvolgimento di tutti i portatori di interesse, può rivestire un ruolo cruciale per riqualificare il corso del fiume, trasformandolo da emergenza a risorsa”.
15 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»