Ambiente

Ambiente, Psd e Upr in cerca di convergenze

sanMarino_piazza_liberta

SAN MARINO – L’attualità politica, ma anche il progetto di legge sulla mobilità e l’impegno per la salvaguardia del Pianeta, sul tavolo di Psd e Upr. Le delegazioni delle due forze che si trovano su fronti diversi si sono incontrate per “svolgere una serie di riflessioni sui temi più importanti presenti nell’agenda politica”. Una nota congiunta li passa in rassegna: primo fra tutti “la tutela dei cittadini sammarinesi rispetto all’ iniziativa di autorità estere in campo fiscale”.

san marino_lazzarini_psdIl partito di Marina Lazzarini e quello di Nicola Selva auspicano che “vi sia una risposta ferma sia a livello bilaterale che multilaterale nelle opportune sedi internazionali, tutelando sovranità e diritti di cittadini e imprese”. Psd e Upr hanno anche discusso dei temi che caratterizzeranno la tornata referendaria del prossimo 15 maggio e dei progetti che le due forze politiche stanno conducendo nel segno dell’aggregazione, Costituente Riformista e #repubblicafutura. “L’incontro- prosegue la nota- ha poi dato la possibilità di fare il punto sul progetto di legge sulla mobilità sostenibile, presentato da Upr”.

A riguardo, entrambe le forze politiche concordano sulla volontà che “presto si possano varare i provvedimenti per fare compiere i primi passi alla mobilità elettrica nella Repubblica di San Marino, sia rispetto al trasporto pubblico che quello privato”. Infine, le delegazioni hanno riflettuto sull’importanza del 22 aprile, data in cui si celebrerà la 46esima giornata mondiale della Terra, data scelta dall’Onu per la ratifica dell’accordo sul Clima di COP21, siglato lo scorso dicembre a Parigi. A riguardo, Psd e Upr lanciano insieme l’appello “affinché la celebrazione della Terra e la sua salvaguardia- conclude la nota- sia l’opportunità di intensificare l’impegno della classe politica su questo fronte”.

15 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»