Italia-Cina, Conte: “Firmiamo memorandum, ma non è accordo vincolante”

Il premier annuncia la firma dell'accordo con Pechino per il memorandum sulla nuova 'Via della seta'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Italia firmera’ il memorandum con la Cina. “Si tratta di un accordo non vincolante. È un’intesa programmatica, non e’ un accordo internazionale”, dice il presidente del consiglio Giuseppe Conte dopo il vertice di palazzo Chigi.

“C’e’ una valenza politica- aggiunge Conte- che risponde agli interessi nazionali. Allo stesso tempo ci cauteliamo e adotteremo misure per esempio rafforzeremo la golden power per rafforzare gli interessi nazionali”.

“Per quanto riguarda la partita della banda 5G- continua il premier- la partita delle telecomunicazioni con gli operatori cinesi, quella e’ una partita che stiamo seguendo, stiamo adottando tutte le contromisure, stiamo parlando degli operatori cinesi ma vale per qualsiasi altro operatore. Quelli sono asset strategici”. 

CINA. LEGA: PRIMA INTERESSE NAZIONALE, POI QUELLO ECONOMICO

“È fondamentale aiutare le aziende italiane a crescere ed esportare all’estero, per raggiungere i numeri di Francia e Germania, e per questo ringraziamo per il grande lavoro fatto Conte, Di Maio e Geraci”, spiegano fonti della Lega al termine del vertice di Palazzo Chigi sul memorandum per la Cina.

“Ovviamente- aggiungono -la sicurezza nazionale viene prima di tutto e quindi su alcuni settori strategici per noi e per gli alleati (telecomunicazioni, energia, porti e infrastrutture) stiamo facendo tutte le verifiche e le valutazioni necessarie: prima viene la sicurezza degli Italiani, poi l’interesse economico.”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»