Cure a migranti e clochard, a Ostia arriva un presidio fisso

Garantirà assistenza, anche psicologica, ogni primo e terzo sabato del mese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si chiama ‘Medici Senza Fissa Dimora’ l’associazione che nel X municipio di Roma, a Ostia, fornirà assistenza sanitaria, in modo totalmente gratuito, a tutte le persone disagiate o emarginate: “un’assistenza per tutti quelli che non vedono tutelato il loro diritto alla salute”, spiegano gli organizzatori. A chi è senza fissa dimora, cioè a tutti coloro che non hanno una residenza anagrafica, per legge viene precluso il diritto alla salute. Migranti o persone sotto la soglia di povertà non possono, quindi, accedere alle prestazioni erogate dal Servizio sanitario pubblico e le prestazioni ospedaliere si limitano al servizio di Pronto soccorso. Il progetto, quindi, nasce “con l’obiettivo di promuovere, sostenere e tutelare il diritto di ciascun individuo alla salute, indipendentemente dalla classe sociale di appartenenza e dalla nazionalità”, si legge nello statuto dell’associazione. La tutela della salute di ogni individuo, ricordano ancora gli organizzatori, “è garantita dall’articolo 32 della costituzione italiana: ‘La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge'”.

L’assistenza sanitaria sarà svolta da un medico chirurgo, con il supporto di psicologi per facilitare l’instaurazione di un rapporto di fiducia con il gruppo di volontari. L’unità sanitaria si trova nella Chiesa di San Nicola di Bari, a Ostia, e sarà attiva il primo e il terzo sabato del mese dalle 9.30 alle 11.30.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»