Una poltrona per due: M5S e Lega vogliono la presidenza della Camera

Politica

Una poltrona per due: sia M5S che Lega vogliono la presidenza della Camera

ROMA – Primo giro di consultazioni sulle presidenze delle Camere, e primi ostacoli nel percorso alla ricerca di una soluzione per individure i successori di Laura Boldrini e Pietro Grasso.

Matteo Salvini e i Cinque Stelle, con i capigruppo Danilo Toninelli e Giulia Grillo, si muovono in parallelo: il leader della Lega per lo piu’ per telefono, con contatti rapidi e informali ai leader degli altri partiti. I pentastellati con incontri faccia a faccia.

Dal Pd, da Leu e dagli altri interlocutori arriva ad entrambi la richiesta di figure autorevoli e di garanzia, in un partita che deve tenere separate la questione delle presidenze da quella del governo. Ma a quanto apprende l’agenzia Dire, Lega e Movimento Cinque Stelle hanno annunciato ai gruppi parlamentari che hanno contattato in queste ore di rivendicare entrambi l’attribuzione della presidenza della Camera dei deputati.

Ieri sera Salvini e Di Maio si erano sentiti e avevano concordato che si sarebbero mossi sulla base del rispetto del voto degli italiani. Il problema nasce dal fatto che entrambi rivendicano di aver vinto le elezioni.

M5S: APERTURE DA PD E LEGA, PRESIDENTE CAMERA? LO DICONO I NUMERI

“Abbiamo riscontrato un’apertura da parte della Lega e del Pd. E’ un’apertura di metodo“. Cosi’ il capogruppo del M5s Danilo Toninelli risponde ai giornalisti al termine del primo giro di consultazioni sulla presidenza delle Camere.

A chi chiede se l’apertura sia riferita alla richiesta del M5s di avere la presidenza della Camera, l’altra capogruppo, Giulia Grillo risponde: “Beh, visti i numeri…“.

15 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»