Roma, disgelo tra Raggi e Zingaretti: vertice "positivo" in Campidoglio - DIRE.it

Politica

Roma, disgelo tra Raggi e Zingaretti: vertice “positivo” in Campidoglio

ROMA – Il vertice del disgelo tra Nicola Zingaretti e Virginia Raggi, il primo faccia a faccia dopo diversi mesi conditi da reciproche accuse, si è concluso dopo un’ora tra i sorrisi dei due amministratori e con una serie di buoni propositi in un’aula Giulio Cesare che resterà testimone delle nuove promesse di sinergie tra Regione Lazio e Comune di Roma.

Era da tempo che i due non si incontravano in privato. Al Tavolo per Roma, dal ministro per lo Sviluppo economico Carlo Calenda, erano state solo frecciatine. Ma passate le elezioni il clima si è finalmente disteso. Ed ora sul tavolo sono tanti i dossier aperti: si parte dai trasporti per finire ai rifiuti e all’ambiente.

In particolare Zingaretti e Raggi avrebbero convenuto sulla necessità di chiudere il ciclo dei rifiuti a Roma nel modo più sostenibile possibile in modo da poter anche approvare il Piano regionale. E si è parlato della Roma-Giardinetti, prima tra le ferrovie ex concesse su cui il Comune ha aperto un focus.

La formula magica filtrata dagli staff al termine del vertice per riassumere quanto avvenuto è stata “la riunione di oggi è propedeutica e positiva“. Propedeutica, quindi, allo sblocco di alcune questioni che saranno approfondite a livello tecnico e suggellate a livello politico già dai prossimi mesi. Ma più che le tematiche specifiche è il rinnovato clima di collaborazione tra Raggi e Zingaretti a fare notizia.

Si vedrà solo nei prossimi mesi se questo porterà, o meno, a nuove opere per la città e a benefici per il territorio regionale. E, soprattutto, se questo atteggiamento di collaborazione tra i due potrà avere riflessi anche sul versante regionale, dove il centrosinitra non ha una maggioranza, e su quello nazionale, dove al momento Cinque stelle e Pd restano su posizioni di conflitto.

15 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»