Bolognesi, "mettete fiori e piante in balcone". E piovono gli sconti - DIRE.it

Emilia Romagna

Bolognesi, “mettete fiori e piante in balcone”. E piovono gli sconti

balconi5

BOLOGNA – Mettete dei fiori nei vostri… balconi. E’ l’obiettivo di una campagna di sensibilizzazione, fatta di laboratori per adulti e bambini, offerte commerciali e di un contest fotografico sui social, il cui premio sarà una gita in un bosco. Tutto, appunto, per convincere i bolognesi ad aumentare il tasso di verde sui loro balconi. E’ “Green up“, iniziativa promossa dal Comune di Bologna in collaborazione con Coop Alleanza 3.0, Leroy Merlin e Senape Vivaio Urbano. Presentando l’iniziativa, partita oggi con l’installazione di un piccolo balcone fiorito in piazza Maggiore, dove chi voleva poteva farsi fotografare e ricevere in regalo una bustina di semi di zinnia e cosmos, e che si protrarrà per tutta la primavera, l’assessore comunale all’Ambiente Patrizia Gabellini si dice certa che “il progetto intercetterà la propensione dei bolognesi a dotare gli spazi in cui vivono di piante e fiori”.

Da parte sua Giorgio Benassi (Coop Alleanza), fa sapere che “noi offriremo, per tutto marzo, delle promozioni sugli articoli da giardinaggio, e organizzeremo, da qui a maggio, quattro laboratori nelle Coop di piazza dei Martiri e di via Gorki”, in cui si parlerà, ad esempio, di come coltivare un orto sui balconi e dell’uso di erbe e fiori in cucina. Anche Leroy Merlin farà la sua parte dal punto di vista commerciale: infatti, spiega la responsabile Risorse umane Valeria Garavina, “pensiamo di offrire, ai condomini che decideranno di acquistare in gruppo i kit per il giardinaggio che venderemo in sconto, anche una consulenza gratuita su come curare il verde negli spazi comuni“. Infine, Giovanni Roncaglia (Senape) ricorda che anche il vivaio organizzerà laboratori, dedicati soprattutto ai più piccoli, e sottolinea che “se aumenta il verde si creano corridoi ecologici tra campagna e città, che garantiscono la biodiversità”.

di Andrea Mari, giornalista professionista

15 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»