Campania

Porti, De Magistris: “Incontro urgente in prefettura”

de magistrisNAPOLI – Il Sindaco Luigi de Magistris ha inviato una nota al prefetto Gerarda Pantalone sulla questione Porto di Napoli. Il primo cittadino nella sua nota ha espresso “profonda preoccupazione per le criticita” strutturali che ha assunto la vicenda del Porto di Napoli”.

“Come e” noto, il ritardo dell”iter procedurale relativo a quelle opere necessarie per risollevare le sorti dell”intero scalo – ha proseguito il Sindaco – sta producendo un costante allontanamento dei traffici commerciali ed un danno economico crescente, soprattutto, per la nostra Citta”. Il prossimo 15 marzo ricorrera” il poco invidiabile anniversario del terzo anno consecutivo del commissariamento del Porto. Questa incertezza alimenta un inesorabile declino che avra”, inevitabilmente, delle conseguenze drammatiche per il livello occupazionale, aggravando una situazione – sul versante posti di lavoro – gia” messa a dura prova con il ricorso allo strumento degli ammortizzatori sociali, giunti ormai – per alcune aziende – alla scadenza”. Il primo cittadino ha poi ricordato che “lo scorso 3 marzo si e” tenuto, a Palazzo San Giacomo – su richiesta dei sindacati del settore trasporti aderenti a CGIL, CISL e UIL – un incontro per discutere di tale preoccupante scenario che riguarda il nostro scalo portuale e l”assenza di interventi concreti tesi alla salvaguardia del lavoro. Seguo con la massima attenzione la vicenda e manifesto, ripeto, la mia viva preoccupazione per le gravi implicazioni, anche di ordine pubblico, derivanti dalla permanenza dello stato di crisi del Porto di Napoli, che rappresenta una delle principali economie della nostra Citta””.

“A tal proposito – conclude de Magistris – Le chiedo di voler convocare, con cortese urgenza, un incontro in Prefettura, per affrontare con tutte le parti interessate la questione del Porto di Napoli e per valutare quali azioni risolutive intraprendere”.

15 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»