Puglia

Economia, gli investimenti immobiliari della Puglia al Mipim di Cannes

CdG-regione-puglia1CANNES – La Puglia promuove all’estero l’eccellenza dei suoi progetti di investimento immobiliare. L’occasione è Mipim 2006 – Real Estate, salone internazionale specializzato nel settore che si svolgerà nella città francese di Cannes dal 15 al 18 marzo 2016. La Puglia è l’unica Regione del Mezzogiorno a prendervi parte. Si tratta di un evento di punta noto a tutti gli addetti ai lavori, il più importante in Europa per chi si muove nel campo degli investimenti immobiliari. Lo attestano i numeri: 21,400 partecipanti, 351 stand, 89 Paesi, 2.445 imprese espositrici, 4.800 investitori.
La Regione Puglia, Sezione Internazionalizzazione, partecipa all’evento nella collettiva italiana, coordinata da Ice Agenzia e Ance (Associazione nazionale costruttori edili) che prevede, all’interno del “Padiglione Italia”, la presenza di Regioni italiane e di amministrazioni centrali coinvolte nei processi di dismissioni degli immobili pubblici, come la Cassa Depositi e Prestiti e il Demanio (civile e militare).
Tra le Regioni italiane partecipanti, oltre alla Puglia, la Lombardia, le Marche, il Piemonte, la Toscana e la Provincia autonoma di Trento. Ognuna di esse presenterà progetti immobiliari di punta che possano avere un mercato internazionale e un ritorno sull’investimento in linea con le aspettative degli investitori internazionali.
I progetti inseriti all’interno del catalogo del Padiglione Italia saranno presentati domani, 16 marzo, durante l’Italian Day, nel corso della sessione pomeridiana. Grande attesa per quelli italiani per via della straordinarietà del patrimonio immobiliare del Belpaese. All’interno di essi un posto di rilievo è riservato ai progetti della Puglia che riguardano il waterfront e porto della città di Bisceglie (Bt), la Casa della Musica a Lecce e la Ristrutturazione dell’ex Istituto Margherita sempre nel capoluogo salentino.
Saranno presentati a Cannes dall’assessore regionale alla Pianificazione territoriale, Anna Maria Curcuruto. “Il Mipim – dichiara – un’occasione per valutare come è orientato il mercato immobiliare internazionale, e per affrontare, a nostra volta, scelte adeguate sia per la valorizzazione e alienazione degli immobili regionali, sia per impostare coerentemente la programmazione dei fondi europei in maniera integrata tra i vari assi di finanziamento.   La scelta, finalizzata al massimo sviluppo economico territoriale sostenibile, deve utilizzare i finanziamenti pubblici europei, nazionali, regionali, come elemento moltiplicatore e propulsore di ulteriori investimenti privati. Tutto ciò garantendo la sostenibilità economica e ambientale e la certezza dei tempi per l’attuazione degli investimenti. La valorizzazione del patrimonio regionale, ricchissimo e per questo di rilevante potenziale interesse degli investitori italiani e stranieri, è di per sé garanzia di certezza dei tempi, riguardando proprietà e procedure prevalentemente affidate alle strutture regionali. È per questo che l’attrattività del sistema Puglia, bella e sostenibile, potrebbe felicemente coniugarsi con la ragionevole certezza dei tempi regionali e la possibilità di un’offerta innovativa nei contenuti, mirata alla richiesta imprenditoriale”.
“L’Italia – aggiunge l’assessore regionale allo Sviluppo economico e all’Industria turistica e culturale,Loredana Capone – è tornata ad attrarre grandi investitori. Il Censis e l’Associazione italiana delle Banche estere hanno migliorato sensibilmente l’indice che misura l’attrattività del sistema Italia, e questo è tanto più vero nel mercato immobiliare nel quale i prezzi sono scesi per via della crisi e continuano a mantenersi bassi. La Puglia in questo contesto gioca da protagonista per la valorizzazione dei beni turistici e culturali per i quali è considerata fortemente attrattiva. Nella nostra regione abbiamo immobili di pregio che opportunamente ristrutturati possono diventare importanti contenitori per il turismo e la cultura anche perché la Puglia è una meta ambita non solo per il turismo in generale ma anche e soprattutto per il turismo di qualità. La partecipazione a Mipim garantirà visibilità e interesse per i progetti presentati dai nostri Comuni. La Puglia, peraltro, è l’unica Regione del Mezzogiorno presente all’evento. L’auspicio è che accenda i riflettori su quella meravigliosa porzione dell’Italia che è il nostro Sud”.
   All’interno della manifestazione, la società regionale in house “Puglia Sviluppo Spa” con il desk informativo “Invest in Puglia” garantirà i contatti con i potenziali investitori e li informerà sui vantaggi di investire in Puglia. “La Regione – spiega l’amministratore unico di Puglia Sviluppo Spa, Sabino Persichella – tra gli incentivi già attivati nella nuova programmazione ne ha due espressamente dedicati al turismo, Pia Turismo e Titolo II Turismo, per i quali è arrivata agli uffici di Puglia Sviluppo una domanda complessiva pari a 127 richieste e a quasi 134 milioni di investimenti proposti, segno dell’attrattività dei due strumenti. In questo senso la partecipazione a Mipim diventa un fondamentale veicolo di promozione della Puglia all’estero per la bellezza del suo territorio e dei suoi beni immobili e per l’efficacia degli strumenti di incentivazione”.
Rilevante l’elenco delle autorità italiane presenti all’evento: trenta in tutto, tra ministri, viceministri, sottosegretari, senatori, ambasciatori, presidenti di Regioni e sindaci, tutti intenti a far valere la rinnovata competitività dell’Italia e l’attrattività dei suoi progetti di investimento sul mercato internazionale

15 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»