Afron in Uganda con Smiling Toys per bambini con cancro

Oggi, in occasione della Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile, i volontari di Afron, sono in Uganda insieme ai bambini del reparto oncologico dell’Uganda Cancer Institute di Kampala
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Oggi, in occasione della Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile, i volontari di Afron, oncologia per l’Africa onlus, sono in Uganda per ricordare, insieme ai bambini del reparto oncologico dell’Uganda Cancer Institute di Kampala, questo giorno dedicato a chi, così piccolo, è costretto ad affrontare un mostro cosi grande. Così in un comunicato stampa l’associazione.

Solo il 30% dei piccoli pazienti dei paesi in via di sviluppo riesce ad accedere alle cure, contro l’80% di quelli che vivono nel mondo occidentale. Proprio in questi giorni- ricorda la nota- per combattere questa disuguaglianza, per favorire la conoscenza delle patologie e l’accesso alle cure, verrà lanciato il progetto ABLE+ a favore dei bambini del Lacor Hospital colpiti dal Linfoma di Burkitt, il tumore infantile più diffuso in Uganda.

Un progetto che nasce dai risultati positivi ottenuti da ABLE – Awareness for Burkitt’s – condotto con il partner Soleterre-Strategie di Pace Foundation, una ONG italiana impegnata nella lotta ai tumori infantili e grazie al prezioso contributo dell’associazione Onlus ALCLI Giorgio e Silvia di Rieti e dell’Ambasciata Italiana in Uganda. In Uganda solo il 30% di bambini colpiti da cancro riceve adeguate cure oncologiche.

Saranno consegnati i giocattoli raccolti grazie all’impegno e alla dedizione dei volontari di Afron che in Italia, con continue iniziative, sollevano l’attenzione sul problema dei tumori in Africa, una piaga che, numeri alla mano, ha già superato il dramma causato dall’HIV. Tra i giocattoli che verranno distribuiti ai piccoli pazienti- spiega il comunicato- anche quelli donati dalla trasmissione l’Ora Solare, condotta da Paola Saluzzi su TV2000, alla quale Titti Andriani, presidente di Afron oncologia per l’Africa, ha partecipato in occasione della nomina a Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica, ricevuto dal presidente Mattarella.

Il progetto Smiling Toy

Durante la missione in questa struttura medica, una delle poche presenti in Uganda, Afron intende regalare un sorriso ai piccoli pazienti con l’evento Smiling Toy, quest’anno a tema Mickey Mouse, perché niente è più bello del sorriso di un bambino quando riceve un regalo. I nostri volontari- spiega ancora la nota- sono partiti anche per portare la speranza e per ricordare a tutti, che l’85% dei tumori infantili, fortunatamente, se diagnosticati in tempo, risultano altamente curabili. Secondo uno studio, un bambino sano sorride in media 300 volte al giorno, Afron vuole fa tornare i piccoli pazienti oncologici a sorridere.

Sostieni la campagna #300TIMES recentemente lanciata da Afron in occasione dell’Italian Week, evento organizzato dall’ambasciata italiana in Uganda. Obiettivo proprio quello di contrastare i tumori in età pediatrica attraverso campagne di sensibilizzazione sia delle popolazioni rurali che nelle scuole, campagne di screening e cure oncologiche, supporto psicosociale per i bimbi e i loro familiari, visite mediche di follow up nelle abitazioni per il completamento delle cure oncologiche. Le statistiche più recenti indicano che vengono diagnosticati nel mondo tra i 175 e i 250 mila nuovi casi di cancro infantile nel mondo.

INTERNATIONAL CHILDHOOD CANCER DAY

La Giornata Mondiale Contro il Cancro Infantile è promossa a livello mondiale dall’organizzazione Childhood Cancer International (CCI), un network globale formato da 188 associazioni di familiari di bambini e adolescenti malati di cancro presenti in 96 paesi di 5 continenti e a livello nazionale, dalla FIAGOP – la Federazione Nazionale delle Associazioni di Genitori di bambini e adolescenti che hanno contratto tumori o leucemie – riunisce parte delle organizzazioni presenti sul territorio italiano ed è socio fondatore di CCI. Lo scopo di questa giornata- ricorda Afron- è quello di sensibilizzare le istituzioni sul problema ed evidenziare il coraggio, la forza e l’eroismo dei bambini e degli adolescenti colpiti da patologie tumorali. Quest’anno in particolare, si intendono sollecitare le istituzioni nazionali ed europee affinché la lotta al cancro, in età pediatrica, diventi una priorità e che siano destinate, allo scopo, le necessarie risorse economiche per garantire, a tutti i bambini, diagnosi precoci, accesso alle cure più avanzate, farmaci studiati appositamente per l’infanzia, accesso alle cure palliative e trattamenti meno tossici.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»