Venezia, 7 milioni di euro per casermette napoleoniche

Si tratta di due casermette di età napoleonica all'interno di Forte Marghera, a Mestre. diventeranno spazi espositivi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Via libera al progetto di fattibilità tecnico economica del recupero delle due casermette di età napoleonica presenti all’interno di Forte Marghera, a Mestre, Comune di Venezia. Il parere positivo è stato espresso dalla giunta comunale, nei confronti di un intervento del valore complessivo di sette milioni di euro, finanziato con i fondi del ministero dei Beni culturali, che si inserisce nel piano strategico Grandi progetti beni culturali.

 

L’obiettivo è recuperare gli edifici per i quali si privilegia un utilizzo a fini espositivi e museali”, spiega l’assessore ai Lavori pubblici Silvia Zaccariotto. “Tutti i lavori saranno eseguiti da Insula spa e si andranno ad aggiungere ad ulteriori importanti interventi, in corso di realizzazione o già eseguiti, all’interno dello stesso complesso”. Che sono poi opere di urbanizzazione primaria come illuminazione pubblica, scarichi fognari, rete di cavidotti per telefonia ed energia elettrica e manutenzione straordinaria dei ponti di accesso, per un totale di cinque milioni, la ristrutturazione dell’edificio 53 per 1,34 milioni e la ristrutturazione dell’edificio 1 per 670mila euro.

A ciò si aggiungerà il ponte sul Canal Salso con percorso ciclopedonale che unirà via Torino e il parco di San Giuliano, per il quale lo stanziamento è di un milione di euro. Per quanto riguarda le due casermette oggetto dell’intervento approvato, invece, si tratta di due caserme difensive progettate e realizzate dai francesi, e in parte completate dagli austriaci, fabbricate a prova di bomba, poste nel lato più protetto a sud e disposte simmetricamente rispetto all’asse principale del Forte.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»