Lazio

Balduina, Raggi: “Non è una voragine ma un crollo, situazione grave ma sotto controllo”

ROMA –  “Sottolineo che a Balduina non si tratta di una voragine ma del crollo della paratia di un’area di cantiere. L’area è sotto sequestro e già oggi la magistratura sta facendo tutti i rilievi del caso. Stanotte le sue palazzine prospicienti sono state evacuate in via precauzionale e i residenti rimarranno fuori un po’ di tempo, tutti comunque hanno trovato una sistemazione alternativa tranne una famiglia che abbiamo ospitato in un hotel tra quelli che abbiamo reperito col protocollo ‘Hotel solidali’. La Protezione civile sta già ricontattando tutti gli abitanti per capire se hanno disponibilità di una sistemazione propria oppure se andranno ospitati con il nostro sistema accoglienza. Sul posto ci sono Vigili e forze dell’ordine insieme al gruppo e agli assessori del XIV Municipio per ogni necessità dei cittadini. La situazione, per quanto grave, è tenuta sotto controllo”. Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, a margine di una conferenza stampa ai Musei capitolini, riguardo il crollo di una parte di strada avvenuto ieri pomeriggio in via Livio Andronico.

Raggi: “Un miliardo da Calenda? Se fosse vero lo avrei messo in bilancio”

“Ho letto la lettera di Calenda, ormai le leggo prima sui giornali e poi mi vengono inviate per conoscenza. Mi stupisce, ma forse neanche tanto, che a due settimane dal voto si torni a promettere un miliardo per Roma dopo cinque anni in cui il Governo si è assolutamente dimenticato della Capitale. Se questo miliardo fosse vero lo avremmo inserito in bilancio, ma in bilancio non posso inserire né parole né promesse”. Lo ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi,  in riferimento alla lettera partita ieri dalla sede del ministero dello Sviluppo economico, firmata dal ministro Carlo Calenda. Nella missiva, secondo quanto riportato da “Il Messaggero” il ministro accusa l’amministrazione grillina della Capitale di “mancanza di capacità realizzativa” e  “immobilismo”. 

15 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»