Pd, patto di San Valentino per evitare rotture. E Renzi lancia un nuovo 'Lingotto' - DIRE.it

Politica

Pd, patto di San Valentino per evitare rotture. E Renzi lancia un nuovo ‘Lingotto’

renzi


ROMA – Un vertice notturno, la sera di San Valentino, per provare a mediare. Mentre Matteo Renzi riunisce, fino a notte inoltrata, i big del Partito Democratico al Nazareno, la minoranza aspetta un segnale che, alla fine, arriva: all’assemblea nazionale di domenica, Renzi presenterà le proprie dimissioni e la reggenza del partito passerà al presidente Matteo Orfini.

Smentita quindi l’ipotesi di una reggenza Renzi fino al congresso, mentre resta irrisolto il nodo dei tempi. Su questo, la posizione della minoranza è chiara: il congresso deve iniziare a giugno, dopo le elezioni amministrative, per concludersi in autunno. Proposta irricevibile per l’ex premier, disposto a rinviare il congresso solo di qualche settimana per celebrarlo all’inizio di maggio, prima che la campagna elettorale delle amministrative entri nel vivo.

Una proposta di mediazione che sembra allontanare l’ipotesi di voto anticipato a giugno ed accontenta anche quella parte della maggioranza del partito, per niente convinta dell’accelerazione che Renzi avrebbe voluto imprimere. La minoranza però resta fredda, in attesa che “chi ha buonsenso lo usi”. Sabato pomeriggio sinistra dem si riunirà in un teatro a Roma per valutare la situazione: sul tavolo resta l’ipotesi scissione a partire dalla diserzione dell’Assemblea e, quindi, del congresso.

Intanto, Matteo Renzi sembra essere già partito per lo sprint per le primarie. Nella sua e-news, infatti, lancia un primo appuntamento in un luogo simbolo per il Pd: al Lingotto di Torino dove, ormai dieci anni fa, Walter Veltroni presentò la sua candidatura nel congresso fondativo del Partito Democratico. “Per prepararci a vivere il congresso non come scontro sulle poltrone, ma come confronto di idee- scrive Renzi- ho bisogno del vostro aiuto:  intanto sui progetti per il futuro dell’Italia. Dal 10 al 12 marzo con gli amici che sosterranno la mozione congressuale ci vedremo a Torino, al Lingotto. Nel luogo dove nacque il PD a fare… il tagliando a quell’idea di quasi dieci anni fa”.

di Michele Bollino

15 febbraio 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»