Meningite, in arrivo 350.000 dosi, giù i ticket per gli over 45 - DIRE.it

Toscana

Meningite, in arrivo 350.000 dosi, giù i ticket per gli over 45

FIRENZE – Contro la meningite “sono arrivati oggi 150 mila vaccini ed entro mercoledì contiamo che ne arrivino almeno altri 100 mila. Quindi, dovremmo avere nel giro di questa settimana circa 250 mila dosi a disposizione di quadrivalente e altre circa 100 mila dosi di monovalente. Quindi, direi che con 350 mila dosi di vaccino possiamo continuare la vaccinazione di massa, coinvolgendo anche più attivamente la medicina generale per rispondere alle domande dei cittadini in questo periodo”.

Toscana_Stefania_SaccardiLo ha spiegato, a margine di un convegno, l’assessore regionale per il Diritto alla Salute, Stefania Saccardi in merito all’emergenza meningococco C. “Abbiamo deciso, ribadisco, una misura di prevenzione generale. Non siamo di fronte a un’epidemia- ha aggiunto-, però ci stiamo attrezzando per riuscire a rispondere a tutte le domande dei cittadini”. In relazione al nuovo caso di decesso ieri di un paziente di 71 anni a Prato, ha puntualizzato l’assessore, “adesso credo che sia in corso di valutazione anche il nesso di causalità fra la meningite e la morte di questa persona, che però aveva sicuramente contratto il batterio”. Con la delibera di domani in Giunta regionale ci saranno delle novità anche per i pazienti al di fuori dell’area vasta Toscana Centro. “Approveremo domani un atto- ha chiarito-, col quale ridurremo il ticket per il vaccino medesimo per gli over 45, perché chiaramente l’acquisto di grandi dosi del farmaco hanno anche comportato una riduzione del prezzo e, quindi, saremo in grado di attestare un ticket mi pare intorno ai 42-45 euro, anziché 58 come si paga attualmente”. Va ricordato, invece, che per i pazienti residenti nel territorio dell’area vasta Centro il vaccino verrà reso gratuito per ogni classe di età.

Intanto, la giovane studentessa americana di 22 anni che era stata colpita dalla meningite può dirsi guarita: sarà dimessa dall’ospedale Santa Maria Nuova di Firenze, dove ha ricevuto le cure necessarie a seguito dell’infezione da meningococco C. La ragazza, che vive a Firenze per motivi di studio e che era ricoverata dallo scorso 4 febbraio nel presidio ospedaliero fiorentino potrà, quindi, fare ritorno a casa. Lo fa sapere con una nota l’Asl Toscana Centro.
Sono migliorare anche le condizioni cliniche del paziente di 75 anni di San Miniato ricoverato dal 5 febbraio scorso al San Giuseppe di Empoli dopo la diagnosi da meningite di tipo C. I sanitari stamani hanno riferito che in particolare il quadro settico è in via di risoluzione anche se il paziente rimane ricoverato in terapia intensiva.

di Carlandrea Poli, giornalista

15 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»