In arrivo nuove terapie per combattere la distrofia muscolare

disabili

Si apre un nuovo capitolo nella lotta contro la distrofia muscolare di Duchenne: le prospettive di trattamento di questa patologia devastante, che colpisce prevalentemente i bambini, potrebbero migliorare notevolmente in un futuro non troppo lontano, grazie a terapie innovative già disponibili come ataluren per i pazienti con una mutazione non-senso, o in arrivo per altre mutazioni, ma anche grazie a tecniche innovative in sviluppo dalle enormi potenzialità, come l’editing del Dna, un vero e proprio ‘taglia&cuci genomico’ che permette di rimuovere dal Dna i difetti genetici responsabili di patologie. Inoltre, si stanno elaborando nuovi protocolli di studio che siano funzionali a comprendere l’impatto dei trattamenti nella popolazione complessiva dei pazienti, andando oltre i limiti fino ad ora applicati di età (5 anni) e deambulazione. Si è parlato di questo durante la XIV Conferenza internazionale sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker, organizzata da Parent Project Onlus a Roma.

“Stiamo vivendo un momento importante- ha detto Filippo Buccella, presidente di Parent Project Onlus- dopo anni di attese abbiamo finalmente non solo la disponibilità di un primo farmaco in grado di contrastare la progressione della patologia, ma anche di un nutrito numero di approcci sperimentali che speriamo possano diventare rapidamente disponibili per tutti i pazienti”. La distrofia muscolare di Duchenne, fanno sapere gli esperti, è una “patologia genetica rara causata dall’assenza di una proteina muscolare, la distrofina. La patologia comporta un progressivo indebolimento muscolare dalla prima infanzia con conseguente perdita della funzionalità della parte inferiore del corpo prima e di quella superiore poi. La Dmd colpisce infatti in modo specifico il tessuto muscolare scheletrico, compresi i muscoli respiratori e cardiaci“.

Negli ultimi anni, proseguono ancora gli esperti, nuovi e diversi approcci terapeutici “fanno intravedere la possibilità di contrastare l’avanzamento della Duchenne agendo su più fronti: si tratta di farmaci che come il givinostat o idebenone non agiscono direttamente sulla distrofina ma sui fenomeni causati dall’assenza della distrofina stessa. Analogamente a quanto accaduto per patologie diverse, queste molecole potrebbero rappresentare i componenti ideali di una terapia combinata- concludono- in grado di bloccare sul nascere la progressione della patologia”.

15 Feb 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»