Spiagge, il 17 in piazza a Roma anche la Sardegna

CAGLIARI – “Vogliamo portare in piazza le bandiere dei Quattro Mori per dare il nostro sostegno alle Regioni che, proprio in quella data, si riuniranno per sostenere la causa delle imprese balneari nell’ambito della imminente riforma che il Governo nazionale sta per varare sul Demanio”. Così in una nota il presidente del Sib Sardegna, Alberto Bertolotti, che è stato recentemente nominato vicepresidente nazionale del sindacato, annunciando che ci sarà anche una delegazione della Sardegna a Roma il prossimo 17 febbraio in occasione della grande manifestazione unitaria di tutte le sigle sindacali che raggruppano le imprese balneari italiane.

spiaggia_bue marino_sardegnaPer scongiurare gli effetti di concentrazione che a loro avviso deriveranno dalle gare pubbliche sulle aree demaniali previste dalla normativa europea, la cosiddetta Bolkestein, gli imprenditori balneari chiedono che nella riforma debba essere adottata “una norma che preveda il così detto ‘doppio binario’: evidenza pubblica per il rilascio di nuove concessioni e un congruo periodo transitorio per le imprese esistenti“.

La mobilitazione è promossa dal Sindacato italiano balneari (Sib) che fa parte di Confcommercio. Il presidio inizierà alle 12 e si terrà in piazza Santissimi Apostoli.
“Sarà una manifestazione positiva di sostegno, totalmente pacifica- spiega Bertolotti- per ricordare ai rappresentanti delle Regioni che saranno presenti, come l’assessore agli Enti locali e Urbanistica, Cristiano Erriu, l’importanza della nostra vertenza e del settore che in Sardegna conta 900 concessioni balneari tra hotel e aziende che danno lavoro a 1.500 operatori fissi e 4.500 stagionali, garantendo un fatturato medio annuo di 150.000 euro (dato relativo all’impresa balneare e non gli alberghi con servizio a mare, ndr)”.

di Andrea Piana, giornalista

15 Febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»