Sudan, la giornalista Napoli: “L’Unione europea faccia di più per i diritti”

Così oggi all'agenzia 'Dire' la giornalista Antonella Napoli, intervistata a margine di una conferenza stampa di ritorno da Khartoum

ROMA – Per contrastare la repressione violenta del dissenso in Sudan e “cercare di ottenere qualche effetto positivo”, le autorità europee “devono pressare”, in particolare facendo leva su “economia e business”. Così oggi all’agenzia ‘Dire’ la giornalista Antonella Napoli, intervistata a margine di una conferenza stampa di ritorno da Khartoum.

Secondo Napoli, le autorità europee “devono fare di più perchè il Sudan è sensibile a tutto ciò che riguarda l’economia, il business”.

Nel corso dell’incontro, intitolato ‘Illuminiamo il Sudan’, la giornalista ha rivolto un appello ai colleghi:  “Facciamo sapere quello che sta succedendo in questo Paese dove ci sono stati già 55 morti, 1200 arresti, e il governo continua a reprimere ogni forma di dissenso con la violenza, nel sangue”.

Napoli si era recata a Khartoum per documentare le proteste in corso contro il governo del presidente Omar Al-Bashir. Nel corso del soggiorno la giornalista è stata sottoposta a un breve fermo da parte della polizia, che le ha sequestrato e cancellato cancellato testimonianze foto e video. Durante l’intervista con la ‘Dire’, Napoli ha ringraziato il portavoce di Amnesty International Italia, Riccardo Noury, che ha dato l’allarme dopo il suo arresto, e la Farnesina, per l’intervento “straordinario e immediato” con cui si è mobilitata per il suo rilascio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

15 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»