FOTO | I manifesti (da rubare) per raccontare chi ‘non esiste’

A Reggio Emilia un progetto artistico per raccontare persone che vivono "dimenticate, ai margini della società". L'idea è di 'Manonesiste' in collaborazione con il CollettivoFx
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO EMILIA – Sulle mura delle città appaiono poster raffiguranti il viso di un centravanti, un carpentiere e un sindaco. Ma non sono personaggi famosi, anzi è come se non esistessero: infatti, vivono “dimenticati, ai margini della società“. E’ quello che sta succedendo, da dicembre, a Reggio Emilia dove vengono affissi un po’ ovunque manifesti che ritraggono in primo piano una persona, descritta solo da un aggettivo-etichetta.

I poster sono ‘da rubare’

Per saperne di più bisogna staccare la locandina, messa lì proprio per essere “rubata” e portata a casa, e leggere le indicazioni sul retro che rimandano a un blog e una pagina Instagram. Solo così si abbina una storia a un volto, grazie all’opera di “Manonesiste” che ha ricostruito le loro vicende. A disegnare i manifesti è invece il CollettivoFx, famoso nel mondo della street art. Insieme, ‘parlano’ di un centinaio di persone che ‘abita’ gli spazi lasciati abbondati delle ex Officine Reggiane, a Reggio Emilia.

La vita nelle ‘Reggiane’

Da alcuni anni, quell’ex Officina ferroviaria ‘ospita’ “persone in condizione di povertà estrema e abbandonate a loro stesse”, racconta alla ‘Dire’ una rappresentante di Manonesiste.

Vogliamo raccontare questa situazione, spiegare che a Reggio ci sono persone semplicemente povere, senza voler fare di tutta l’erba un fascio”, continua. Il calciatore, il sindaco e il carpentiere sono solo alcune delle persone che “hanno avuto un po’ più sfortuna delle altre“.

Il centravanti

Tebogo (nome di fantasia, ndr) è arrivato dalla Nigeria nel 2000 per inseguire il suo sogno: veder giocare Taribo West, il “più grande calciatore nigeriano di tutti i tempi”, allo stadio di San Siro e trovare una squadra in Italia. Ma oggi è troppo vecchio e “fatico a trovare un posto nel mondo. Vivo alle Reggiane, assieme a persone nella mia stessa condizione”, scrive il suo Io narrante nel blog.

Il ‘sindaco’

Mothusi invece, è arrivato a Reggio Emilia dopo aver girato il mondo pilotando navi di container. Ma oltre ai paesi, “lunga è anche la lista delle aziende per cui ha lavorato, un su e giù lungo la triste storia recente di cooperative fallite e di licenziamenti di massa”. Da oltre un anno vive alle Reggiane, nella sua “stanza accatastata” ed è lì che tutti lo chiamano “il sindaco”.

“Proponiamo una narrazione differente”

In America li chiamano ‘dreamers’, i sognatori, quelle persone che per inseguire un sogno farebbero di tutto, anche lasciare il proprio paese. “In un momento storico in cui la violenza, anche quella della comunicazione, si concentra tutta verso le persone più in difficoltà, siano stranieri o semplicemente poveri, stiamo cercando di proporre un altro tipo di narrazione attraverso l’arte“, spiega Manonesiste.

“Le ‘Reggiane’ ignorate come il Bronx, continueremo a parlarne”

Anche il nome dell’iniziativa non è casuale, è una doppia lettura. Prima di tutto “quelle che non esistono sono le persone che vivono alle Officine, ma siccome nessuno si occupa di loro è come se il vento che sta soffiando sulla società di oggi li spinga sempre più ai margini”. In più, “ma non può esistere che a Reggio Emilia, città che è sempre stata attenta ad aiutare gli ultimi, adesso ci sia questa situazione di indifferenza”. Pochissimi infatti, ne parlano, e chi lo fa pensa “che là ci sia il Bronx“, conclude la rappresentante annunciando che il gruppo continuerà a ‘tappezzare’ la città con le storie di queste persone che vivono alle officine reggiane.

di Sara Forni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»