AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Fumata nera per salario accessorio a capitolini, confermato sciopero del 27

ROMA – Ora è ufficiale: nelle buste paga, che partiranno stasera, per i dipendenti capitolini non ci sarà il pagamento del salario accessorio, che dovrebbe comunque arrivare nei prossimi giorni con un cedolino a parte. Ad annunciare la “fumata nera” ai lavoratori in piazza del Campidoglio sono stati i rappresentanti sindacali al termine dell’incontro con l’amministrazione, giudicando “da irresponsabili” il comportamento della gestione commissariale e confermando tutte le iniziative di mobilitazione, a partire dallo sciopero del 27 gennaio.

“L’amministrazione ha deciso di fare una determina della gestione commissariale per rideterminare il fondo da 157 milioni sulla parte variabile e quella stabile, ma per farlo stanno aspettando in queste ore il parere degli organi di governo anche se sono più che ottimisti che non esiste una situazione negativa e sono certi di aver risolto”, ha spiegato il segretario generale della Fp Cgil di Roma e Lazio, Natale Di Cola. “Stasera quindi manderanno in pagamento le buste paga senza il salario accessorio e nelle prossime ore, non appena avranno il parere, faranno un altro cedolino con il conguaglio del salario accessorio”.

CGIL: “ORA ANCHE TRONCA È RESPONSABILE SITUAZIONE” – “Abbiamo detto loro ‘se siete certi e vi basta solo il parere del governo fate un atto di coraggio, assumetevi la responsabilità politica e pagate l’intero stipendio come previsto dal contratto’ ma ci hanno detto di no- ha proseguito Di Cola- quindi ora anche Tronca è responsabile di quello che sta succedendo perché non pagare il salario accessorio è una scelta della gestione commissariale”.
campidoglioDi conseguenza, ha continuato il sindacalista, “ci siamo molto arrabbiati perché è da irresponsabili avere l’opportunità di dare una sferzata e non farlo, la nostra risposta è stata la conferma di tutte le iniziative a partire dallo sciopero del 27″. Il prossimo appuntamento è previsto per la prossima settimana: “Ci hanno riconvocato per martedì perché noi abbiamo posto il tema che senza salario accessorio e riconoscimento delle prestazioni non ci saranno neanche i servizi che stiamo erogando, per cui martedì o ci daranno il fondo oppure dovranno presentare un nuovo atto unilaterale perché le prestazioni che ora eroghiamo da mercoledì non le garantiremo più. Se non ci sarà questo recupero del salario accessorio- ha concluso Di Cola- ci sarà anche un’azione legale nei confronti del Campidoglio”.

UIL: “INSODDISFATTI, IMPEGNO SOLO A PAROLE” – Come ha sottolineato Sandro Bernardini della Uil, “Rolli dichiara che l’amministrazione pagherà solo la parte stabile, in attesa di un parere degli organi preposti dello Stato.
Tale parere è prossimo e appena arriverà sarà fatta un’integrazione a conguaglio anche prima della stipula del nuovo contratto. Ovviamente siamo di fronte a un ulteriore impegno a parole che, al di là della serietà della gestione commissariale, non soddisfa minimamente le aspettative del sindacato e dei lavoratori. Pertanto la Uil Fpl, insieme alle altre organizzazioni sindacali, conferma tutte le iniziative di mobilitazione indette”.

15 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988