Lazio

Roma, esposto Pd alla Corte dei Conti: “Delibera su bilancio non rispetta la legge”

roma_campidoglio


ROMA – “Faremo una richiesta all’Oref, l’Organo di revisione economico e finanziario del Campidoglio, e alla Corte dei Conti perché valutino la nostra pregiudiziale che evidenzia una mancanza sostanziale nella stesura del Dup, delibera propedeutica al bilancio previsionale 2017-2019 di Roma Capitale“. Lo ha annunciato la consigliera capitolina del Pd, Valeria Baglio, durante la seduta dell’Assemblea capitolina sul bilancio previsionale 2017 del Comune, dopo la bocciatura della pregiudiziale presentata dalla stessa Baglio insieme ai colleghi dem Ilaria Piccolo e Antongiulio Pelonzi.

Chiediamo di non proseguire la discussione in considerazione del fatto che non è stato rispettato quanto previsto dalla normativa in tema di bilancio. Il documento unico di programmazione, che dà la linea su come costruire il bilancio, è composto da due parti: quella strategica (SeS) e quella operativa (SeO)”, aveva detto Baglio illustrando la pregiudiziale.

“La SeO individua per ogni singola missione i programmi che l’ente intende realizzare per conseguire gli obiettivi strategici definiti nella SeS. Per ogni programma, e per tutto il periodo di riferimento del Dup, sono individuati gli obiettivi operativi annuali da raggiungere. Se non definite gli obiettivi e come finanziare questi obiettivi, come possiamo votare il bilancio? Come lo avete costruito questo bilancio? Peccato che gli obiettivi operativi non li avete scritti e questo lo prevede la legge. Trasparenza, colleghi, trasparenza”.

Nel testo dei consiglieri del Pd si sostiene che “dalla delibera relativa al Dup non si evince correttamente la suddivisione tra la parte strategica e quella operativa. Inoltre, nella parte operativa non vi è evidenza alcuna di quali sono gli obiettivi da raggiungere, le risorse ad essi destinati, e pertanto il collegamento con la delibera numero 23″.

14 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»