D’Anna scherza: “Niente sottobosco, ma sotto-boschi avremmo detto sì” AUDIO

vincenzo_d_annaROMA  – Non perdono il buonumore i senatori verdiniani, pur esclusi dal governo Gentiloni. Al termine di una lunga riunione nella sede di via Poli, ribadiscono il loro ‘no’ alla fiducia, rifiutando sdegnosamente l’offerta di “posti di sottogoverno” che dall’esecutivo e’ arrivata, spiegano, dopo l’esclusione di Ala-Sc dal consiglio dei ministri.

Vincenzo D’Anna si lascia andare a una battuta: “Una giornalista mi ha chiesto, sbagliando: ‘Allora niente sottoboschi?’. E io ho risposto: ‘No, niente ‘sottobosco’. ‘Sotto-boschi’ avremmo ceduto”, dice, con un gioco di parole sul cognome dell’ex ministro delle riforme Maria Elena Boschi. Il collega Ciro Falanga lo riprende, bonariamente: “Non dire cosi’, che poi ti chiamano sessista”.


Ascolta l’audio

14 Dic 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»