Gentiloni alla prova del Senato: "Completeremo il percorso delle Riforme" - DIRE.it

Politica

Gentiloni alla prova del Senato: “Completeremo il percorso delle Riforme”

senato


ROMA – “Voi sapete che io ho condiviso pienamente la riforma costituzionale che è stata approvata ripetutamente in quest’aula, ma sapete altrettanto bene che i cittadini italiani hanno deciso, il popolo ha deciso con un referendum dal risultato netto. Quindi potrei dire che la fiducia che chiedo a nome del governo al Senato è una fiducia un po’ particolare: chiedo la vostra fiducia ed esprimo la mia fiducia nei confronti del Senato e delle sue prerogative“. Lo dice Paolo Gentiloni, nella sua replica in aula al Senato sulla fiducia al governo. Il voto si terrà a partire dalle ore 15.

COMPLETEREMO IL PERCORSO DELLE RIFORME

Questo è un governo che innanzitutto deve completare l’eccezionale opera di riforma, innovazione, modernizzazione che è stata fatta in questi ultimi anni“, prosegue Gentiloni. “Non c’è dubbio- continua- si possono avere opinioni diverse, si possono piu’ che legittimamente, dal punto di vista dell’opposizione, criticare molte di queste riforme, ma sul fatto che ci sia una mole di riforme che il governo deve completare credo che non ci sia dubbio. Questo ci viene riconosciuto dai cittadini italiani e a livello internazionale. Sarebbe assurdo dire che un governo che molti critici accusano di eccesso di continuità, non debba continuare le riforme con un percorso iniziato, che non sia questo il suo compito principale”. Tra le riforme Gentiloni cita i temi della giustizia, diritti, pensioni, innovazione, lavoro e Sud.

CHI HA DIFESO PARLAMENTO NON LO ABBANDONI

“Io difenderò le prerogative del Parlamento, lo farò nei confronti di tutti. Invito chi nei mesi passati ha difeso il Parlamento da una minaccia, secondo me inesistente, di una deriva autoritaria causata dalla riforma costituzionale a rispettare il Parlamento, a partecipare alle sue riunioni in modo civile e con dignità, come prevede la Costituzione”, conclude Gentiloni.

14 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»