Friuli Venezia Giulia

La presidente Serracchiani incontra Selex Es: “E’ un’eccellenza, servono garanzie”

serracchiani

TRIESTE – Progetta velivoli senza pilota e simulatori di volo ed è “un’eccellenza del territorio”, ma sta vivendo un momento di stallo. Per questo, oggi, la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ha incontrato a Trieste una rappresentanza delle Rsu di Selex Es, l’azienda del gruppo Finmeccanica che a Ronchi dei Legionari (Go) ha uno dei siti più importanti. Lo stesso, appunto, impegnato nella progettazione e nella realizzazione di velivoli senza pilota (Uav, “Unumanned aerial vehicle”) e simulatori di volo. Nel corso dell’incontro, che fa seguito a diversi contatti giù intervenuti con i vertici aziendali e con le stesse Rsu, sono state esaminate le prospettive di sviluppo dello stabilimento che, ribadito da Serracchiani, è un’eccellenza per il territorio.

In proposito Serracchiani ha ricordato di aver recentemente indirizzato all’amministratore delegato di Finmeccanica, Mauro Moretti, una richiesta finalizzata in particolare a conoscere lo stato di avanzamento del progetto Falco 48 che, pur riconosciuto dal nuovo piano industriale, sembra stia ancora subendo dei rinvii, anche legati alla mancanza a Ronchi di una figura dirigenziale di riferimento, che condizionano la migliore operatività dello stabilimento. Operatività che, alla luce delle competenze e capacità tecniche e progettuali acquisite, come convenuto oggi, possono essere ulteriormente valorizzate, proprio alla luce del successo che le produzioni di Selex stanno riscontrando a livello internazionale.

Per questa ragione la presidente Serracchiani ha annunciato di voler nuovamente interloquire con i vertici di Finmeccanica per avere la conferma che lo stabilimento ronchese continui ad avere un ruolo importante nella strategia del gruppo, anche a seguito del nuovo piano industriale che ha previsto un riassetto per divisioni produttive.

14 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»