Lazio

Piazza Navona, Alfonsi: “Completeremo a breve il ‘Natale solidale'”

piazza navona_festePer il mercatino a piazza Navona stiamo lavorando per completare l’opera. Hanno montato le giostre, i giochi, la slitta di Babbo Natale. Ci sono tempi amministrativi per finire tutto. Stiamo cercando di mettere insieme questo Natale solidale. Le grandi organizzazioni non governative saranno presenti sulla piazza a far vedere il loro lavoro e ad animare per i bambini”. Cosi’ Sabrina Alfonsi, presidente del I Municipio di Roma, nel corso di un’intervista ai microfoni della trasmissione ‘Ho scelto Cusano’ su Radio Cusano Campus, emittente dell’universita’ Niccolo’ Cusano.

“In campagna elettorale avevamo detto che avremmo riqualificato il mercatino di piazza Navona perche’ e’ una cosa importante per la citta’– ha aggiunto il presidente- Avevamo 3 problemi, uno legato alla qualita’ della merce; un altro al decoro con queste baracche che non erano state fatte rispettando il disegno della soprintendenza, non era piu’ una cosa decorosa. La piazza andava ridisegnata rispettando le regole per far vedere i monumenti. Si era arrivati a 303 stand, in cui rischiava di non passare un mezzo di soccorso, non si garantiva sicurezza. Aver messo le mani su questa partita cosi’ complicata ha portato a risultati importanti”.

L’universita’ Niccolo’ Cusano ha abbellito il suo campus con numerosi addobbi natalizi e luminarie. “In un Natale cosi’, dove nel mondo ci sono guerre importanti e attentati terroristici, per dare un messaggio di pace e’ importante cercare di illuminare anche le periferie– ha commentato a tal proposito la presidente- Le luminarie quest’anno sono bellissime a via del Corso, l’albero di piazza Venezia, del Colosseo. Siamo riusciti grazie a molte associazioni di commercianti ad illuminare via Veneto e via Condotti. Abbiamo fatto un grande lavoro sulle luci anche a via del Corso e piazza Venezia. Certo, Roma e’ grandissima, e andrebbe illuminato tutto il centro storico e l’entrata su Roma anche in altre zone”.

14 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»