Tg Politico, edizione del 14 novembre 2018

Tg Politico, edizione del 14 novembre 2018

Si parla di: Manovra, scontro aperto con l’Europa; Camusso avverte il Governo: Attenzione alle privatizzazioni

MANOVRA, SCONTRO APERTO CON L’EUROPA

L’Italia non cambia la manovra e scatena le proteste di Austria Olanda e Germania. “Non ci muoviamo di un millimetro”, avverte il ministro dell’interno Matteo Salvini, in risposta alla commissione europea che chiede di modificare le stime di deficit e crescita che accompagnano la legge di bilancio. Secondo l’Austria e’ l’atteggiamento di un governo che tiene in ostaggio il suo popolo. Salvini replica con ironia: “A Bruxelles ci sono dei grafomani che mandano lettere”, dice il vicepremier che assicura di lavorare per la piena occupazione e per i diritti sociali.

MATTARELLA ALLA ERICSSON PROVA LA GUIDA REMOTA

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha sperimentato le ultime innovazioni nel campo della tecnologia 5g, applicate alla realta’ virtuale e ai sistemi di guida remota. Nel corso della visita in Svezia, Mattarella ha fatto tappa alla Ericsson, azienda che celebra quest’anno 100 anni di presenza in Italia. Ad accompagnarlo nella sede centrale dell’azienda a Stoccolma, Re Carlo XVI Gustavo e la Regina Silvia. “La Svezia e l’Italia hanno in comune una lunga tradizione di incredibili pionieri, inventori e imprenditori”, ha detto l’amministratore delegato di Ericsson Italia, Federico Rigoni.

CAMUSSO AVVERTE IL GOVERNO: ATTENZIONE ALLE PRIVATIZZAZIONI

Nel governo “c’è un nuovo, improvviso amore per le privatizzazioni, bisogna capire cosa significa”. La leader della Cgil Susanna Camusso chiede al governo di chiarire se la misura annunciata al termine del consiglio dei ministri porterà a privatizzazioni di servizi, societa’ o di immobili. Da corso d’Italia arriva l’allarme sul percorso di autonomia intrapreso da diverse regioni: così ci saranno ancora più disuguaglianze, avverte il sindacato.

CASELLATI, IL 5G TECNOLOGIA EPOCALE

Lo sviluppo del 5G nelle telecomunicazioni e’ fondamentale, ma non deve ricadere sulle spalle delle famiglie italiane. E’ il monito lanciato dalla presidente del Senato Elisabetta Casellati, che definisce epocale la diffusione della tecnologia di quinta generazione. Serve però un intervento forte del governo- precisa- con incentivi che permettano lo svecchiamento dei mezzi a disposizione.

Condividi l’articolo:

Guarda anche:

14 Nov 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»