Roma, gli occupanti dell’ex penicillina lanciano l’allarme: “Qui viviamo come animali”

"Chiediamo l'apertura di un tavolo interistituzionale con Prefettura, Comune e Regione sulla situazione dell'ex penicillina".

Condividi l’articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

🔴 In diretta dalla conferenza stampa degli abitanti della Fabbrica #ExPenicillina di via Tiburtina a Roma.

Pubblicato da Agenzia di stampa DIRE su Mercoledì 14 novembre 2018

ROMA – “Oggi lanciamo un SOS. Siamo costretti a vivere in questo posto che sembra un relitto, come animali. Qui ci sono rifiuti, anche tossici, cumuli di spazzatura e parti pericolanti. Noi non siamo delinquenti ne’ banditi, siamo solo poveri. Viviamo qui perché non abbiamo alternativa”. A dirlo è John, uno degli occupanti nordafricani dell’ex fabbrica di penicillina a Roma, durante una conferenza stampa all’interno dello fabbricato su via Tiburtina.

Gli occupanti dello stabile, che rientra nella lista delle occupazioni più urgenti da sgomberare a Roma, lanciano una loro proposta: “Qui non ci deve essere uno sgombero ma un’evacuazione con un’alternativa alloggiativa”.

“Abbiamo bisogno di una casa – dicono – dopo l’evacuazione, l’ex penicillina venga requisito dal Comune per poi essere bonificato è aperto al pubblico ad esempio con spazi per bambini e disabili”.

E poi aggiungono che in caso di sgombero senza una soluzione alternativa gli occupanti si dicono pronti a fare “una catena umana lungo via Tiburtina”.

LEGGI ANCHE:

Roma. Ex Penicillina, il presidio di Casapound: “Fosse per me, un bel falò”

Roma. Ex Penicillina, parla l’occupante: “Consegnammo noi il ricercato per l’omicidio di Desiree”

Migranti, viaggio nel ghetto ‘ex-penicillina’: l’ultimo rifugio di Roma

OCCUPANTI EX PENICILLINA CHIEDONO TAVOLO CON ISTITUZIONI

“Chiediamo l’apertura di un tavolo interistituzionale con Prefettura, Comune e Regione sulla situazione dell’ex penicillina”. A dirlo sono gli occupanti in occasione di una conferenza stampa nell’ex fabbrica su via Tiburtina a Roma abbandonata da anni.

“Vogliamo l’evacuazione immediata ma con un’alternativa dignitosa” dicono gli occupanti che stanno pensando anche a organizzare a breve una manifestazione in Campidoglio. All’interno dell’edificio abbandonato attualmente vivrebbero, secondo gli occupanti “circa 600 persone”.

Presente alla conferenza stampa anche Aboubakar Soumahoro di Asia Usb che ha sottolineato: “Viene detto prima gli italiani, ma qui ci sono anche italiani. Allora vuol dire che i poveri non ne fanno parte. Le politiche delle ruspe creano illegalità – ha aggiunto – ma noi vogliamo legalità. Il 15 dicembre a Roma saremo in piazza contro qualsiasi forma di razzismo, sessismo e discriminazione. Metteremo al centro chi vive in situazioni come questa. Gli occupanti chiedono un tetto dove dormire e di essere regolarizzati dopo tanti anni in Italia”.

EX PENICILLINA, PARLA L’ESPERTO: QUI AMIANTO E FARMACI SCADUTI

“Sessantanni anni fa questo luogo era un gioiello dove lavoravano 1.600 persone. Da 13 anni qualunque tipo di produzione è finita. Quello che ho visto qui è oltre l’immaginazione”. A parlare è il professor Andrea Turchi, chimico in pensione che da anni si interessa dell’ex penicillina, l’ex fabbrica abbandonata sulla via Tiburtina a Roma.

“Quello che c’è di terribilmente pericoloso qui dentro è l’amianto in forma disgregata che serviva per coibentare le tubature. Qui non ci sono più finestre e il vento porta l’amianto non solo nelle bocche degli occupanti, ma anche nelle bocche dei cittadini di San Basilio. Ci sono medicinali utilizzati come tappeti per i letti delle persone. Ci sono bottiglie di acido solforico e di ammoniaca piene. Nei sottoscala c’è un magazzino chimico invaso dalle acque e noi non sappiamo cosa ci sia dentro. All’interno del Grande Raccordo Anulare non può esistere un posto ad alta pericolosità ambientale come questo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»