Mondo

Usa, indagine sulla fondazione Trump

trump3ROMA – Un’inchiesta su presunte “scorrettezze” da parte della fondazione di Donald Trump è stata avviata dal procuratore di New York, Eric Schneiderman. Secondo il funzionario, che ha dato notizia dell’indagine in un’intervista all’emittente televisiva ‘Cnn’, l’ipotesi è che siano state “violate leggi sulle attività di beneficenza a New York”. Al centro dell’inchiesta ci sarebbe una donazione di 25 mila dollari effettuata nel 2013 a favore di Pam Bondi, all’epoca dei fatti procuratore della Florida in procinto di avviare un’indagine sulla Trump University.

Il procedimento avviato a New York è stato bollato da un portavoce del magnate come una mossa politica di Schneiderman, accusato di essere “fazioso” e di “aver chiuso per anni gli occhi sulla fondazione di Clinton”. Lo scontro segue di pochi giorni le polemiche suscitate dalle notizie sulla polmonite diagnosticata a Hillary Rodham Clinton. Proprio ieri, in un’intervista telefonica alla ‘Cnn’, l’ex first lady rivale di Trump nella corsa alla Casa Bianca aveva detto di sentirsi “molto meglio” e di essere pronta a riprendere la campagna elettorale al più presto.

14 settembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»